Sessione coronavirus Ecco dove si riunirà il parlamento svizzero

Sono stati presentati martedì al centro fieristico Bernexpo gli spazi che dal 4 maggio ospiteranno la sessione straordinaria delle Camere federali. Il parlamento svizzero vi esaminerà il pacchetto di aiuti da 41 miliardi di franchi deciso dal Consiglio federale (governo) per attenuare le conseguenze economiche e sociali dell'epidemia di Covid-19.

Interno di un centro fieristico con sedie e tavoli disposti a semicerchio ma a grande distanza uno dall altro

L'interno del centro fieristico martedì mattina (sala destinata al Consiglio nazionale).

Keystone / Peter Klaunzer

L'operazione costerà 3,4 milioni di franchi, di cui meno di un milione destinato all'affitto; il resto sarà speso per il personale e la tecnica. È ancora in corso l'allestimento degli impianti per la diretta video e il voto elettronico, e la posa di un mobilio adeguato.

In Svizzera, le CamereLink esterno si riuniscono 4 volte l'anno per tre settimane (sessioni ordinarie), più le eventuali sessioni speciali come questa.

Fine della finestrella

Il locale destinato al Consiglio nazionale (camera bassa, 200 deputati) si estende su 5'200 metri quadrati, quello del Consiglio degli Stati (camera alta, 46 membri) su 800. Superifici adatte a rispettare la distanza sociale (2 metri tra una persona e l'altra) dettata dalle prescrizioni dall'Ufficio federale di sanità pubblica. Tutti i parlamentari prenderanno la parola dalla tribuna, che sarà igienizzata dopo ogni intervento.

Primo piano di un microfono coperto da un sacchetto plastico; si intravvede, sfocata, grande sala con sedie e tavoli

I deputati prenderanno la parola dal pulpito, che sarà igienizzato dopo ogni intervento.

Keystone / Peter Klaunzer

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

Programma della sessioneLink esterno

Non è escluso che anche la sessione ordinaria estiva, prevista per giugno, si tenga negli spazi di Bernexpo. Un ritorno a Palazzo federale è infatti improbabile; bisogna tuttavia considerare che sono già giunte al Parlamento quattro offerte, inclusa quella della fiera bernese.

Il responsabile infrastrutture dei Servizi delle Camere federali, Andreas Wortmann, ha indicato all'agenzia Keystone-ATS che un trasloco fuori Berna sarebbe un grosso impegno.

Alcuni media avevano riferito nei giorni scorsi la possibilità che il Parlamento si trasferisca a Lucerna. "Alla fine si tratterà di una decisione che terrà conto di ragioni di politica linguistica e regionale", ha detto Wortmann, pur non commentando direttamente l'indiscrezione.



Parole chiave