Navigation

In migliaia a Roma con Greta per il clima

Negli scorsi giorni, ha incontrato il Papa e tenuto un discorso al Senato. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.

Ha attirato migliaia di persone, venerdì in piazza del Popolo a Roma, la conclusione della tre giorni nella capitale italiana dell'attivista svedese sedicenne Greta Thunberg, ispiratrice dei cosiddetti 'Fridays for future' (venerdì per il futuro), manifestazioni e scioperi studenteschi in favore del clima.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 aprile 2019 - 21:25
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 19.04.2019)

Sul palco, dal quale Thunberg ha parlato a mezzogiorno e mezzo, si sono esibiti anche dei musicisti e si sono espressi altri ragazzi sul tema della tutela ambientale. Di fronte a loro, in piazza, c'erano soprattutto giovani, arrivati anche da fuori Roma.

L'alimentazione elettrica è stata garantita da 120 ciclisti, le cui biciclette sono state montate su generatori, per poter produrre energia 'pulita' pedalando, senza emissioni di gas serra.

Media più colpevoli dei politici

Intervistata in precedenza dall'emittente televisiva La7, Greta Thunberg, che da tempo sciopera il venerdìLink esterno per attirare l'attenzione dei 'grandi' sull'emergenza climatica, ha detto di pensare "che i media abbiano più responsabilità dei politici".

"Se le persone non sanno cosa succede, è perché i media non le hanno informate", ha spiegato l'attivista, "ed è per questo che non possono fare pressione su chi è al potere".

A livello individuale, oltre a "diventare consapevoli di cosa sta succedendo e spargere la voce" per fare pressione su chi ha il potere, la ricetta è semplice: "cambiare il tuo stile di vita, le tue abitudini alimentari, il modo in cui ti sposti".

Contenuto esterno

"Molte delle emissioni non sono prodotte dagli individui", ha aggiunto Thunberg, "ma dalle multinazionali e dagli Stati. Le persone devono fare pressione su di loro".

Nei giorni scorsi, la sedicenne ha incontrato il Papa e tenuto un discorso al Senato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.