Navigation

Da Milano a Lugano in mezz'ora di elicottero

Poteva trasportare 15 passeggeri, e almeno inizialmente copriva la tratta tutti i giorni. RSI-SWI

A cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, Lugano e Milano furono collegate con voli di linea in elicottero. Un servizio inizialmente quotidiano del quale rimane memoria negli archivi della Radiotelevisione svizzera, che documentò l'arrivo del viaggio inaugurale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2019 - 15:30
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

A disporre di un vero eliporto, ovvero lo scalo di Lugano-Agno, era la più piccola delle due città. Milano fece invece allestire uno spiazzo per decolli e atterraggi in via Restelli, non sufficientemente discosto dall'abitato per evitare lamentele.

Il progetto del capoluogo lombardo, rievoca Mauro Colombo su milanocittastato.it, era di offrire un collegamento anche con Torino e Genova. Allo scopo fu fondata una società di cui il Comune era socio col 50% del capitale.

L'ingegnere sulla banana volante

Presidente fu nominato il vicesindaco Agostino Giambelli, ingegnere ricordato per il suo grande contributo alla nascita della metropolitana di Milano, e che vediamo insieme ad altre autorità in questo filmato tratto dalle Teche RSI.

Come si desume dalle immagini, l'apparecchio è un elicottero birotore Vertol tipo 44B ("banana volante"). Poteva trasportare 15 passeggeri e a detta di Giambelli impiegò, per il volo inaugurale, 35 minuti.

Contenuto esterno


Il servizio sul primo volo di linea in elicottero tra Milano e Lugano fu trasmesso dal TG della Televisione svizzeraLink esterno il 4 ottobre del 1959 [il sonoro è parziale].

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.