Navigation

I raggiri kitsch della pubblicità

Le rivolte per i diritti civili tirate in ballo per vendere un paio di collant. RSI-SWI

Nella seconda metà degli anni '70, il semiologo e scrittore Umberto Eco prestava il suo 'Occhio critico' alla Televisione svizzera per alcuni corsivi sull'arte e la comunicazione. Dedicandoli al kitsch.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2018 - 09:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

Perché "raggiri"? Beh, perché la pubblicità è piena di sostituzioni. Nulla è venduto per quel che è, ma perché evoca qualcos'altro. Come l'autoradio promossa con l'immagine di un direttore d'orchestra in piedi su una Mercedes, quando magari sarà montata su una Cinquecento e suonerà canzonette.

Miti di esclusività e di ricchezza che raggiungono il loro apice nella 'réclame' della Peter Island quale destinazione per le vacanze: "non offre niente", ammette l'inserzione, aggiungendo tuttavia che "non è per ogni Pinco Pallino qualsiasi, perché costa molto".

Ma il kitsch bancario ed economico non è nulla, di fronte a chi tira in ballo le battaglie per diritti civili per vendere collant. O, addirittura, la rivoluzione per piazzare una bottiglia di whisky.

Contenuto esterno

 I raggiri kitsch della pubblicità' è stato trasmesso dalla Televisione svizzeraLink esterno il 26 aprile del 1977 nell'ambito del mensile d'informazione sul mondo dell'arte e della letteratura 'Occhio critico'.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.