Navigation

Storie sul confine

Il sentiero del contrabbando

Keystone / Karl Mathis

Storie di "spalloni" e finanzieri su un sentiero che, da pensionati, hanno realizzato per ricordare quando insieme dovevano "sbarcare il lunario".

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2021 - 19:00
Simone Benazzo e Marco Carlone, Rsinews

L’economia agricola delle vallate alpine del nord Italia era uscita devastata dalla Seconda guerra mondiale. Molti uomini erano morti nei combattimenti e i reduci, stremati da anni di privazioni e conflitti, non erano più in grado di coltivare i campi. 

Fu così che nelle zone di confine tra Lombardia e Svizzera fiorì allora il fenomeno del contrabbando, praticato inizialmente da donne e bambini. BaruffiniLink esterno, un piccolo paese arroccato sopra Tirano, in Alta Valtellina, distante solo 2 km dal confine con i Grigioni, era uno dei centri più dinamici. 

Gli "spalloni", per centinaia di notti tra gli anni ‘50 e i primi anni ‘80,  attraversarono la frontiera per importare illegalmente sigarette, caffè, cacao e zucchero. A contrastarli, in nome dello Stato italiano, giovani finanzieri appostati ad alta quota su passi innevati, in condizioni spesso proibitive. Tra i due rivali, divisi dal ruolo, ma uniti dal bisogno di sbarcare il lunario, si svilupparono spesso sentimenti di solidarietà e rispetto.

Negli anni della pensione, ex contrabbandieri ed ex finanzieri si sono ritrovati per dare una forma concreta a questa memoria comune. È nato così il Sentiero del contrabbandoLink esterno, un anello di 7 km che parte e arriva a Baruffini sfiorando il confine con la Svizzera, dove gli escursionisti possono oggi ripercorrere questa storia di frontiera.

Contenuto esterno





Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.