Spionaggio Il caso Crypto

Di Rundschau (SRF), Falò (RSI)

L'azienda Crypto di Zugo è al centro del grande caso di spionaggio del Dopoguerra le cui ombre inquietanti si allungano sui vertici delle istituzioni svizzere. Nella trasmissione Falò il reportage (realizzato dalla Radiotelevisione svizzera e da un pool internazionale di giornalisti) che ha riportato la vicenda sotto i riflettori.


La storia comincia negli anni ’50 quando in Svizzera nasce un’azienda specializzata nelle comunicazioni in codice. Si chiama Crypto e i suoi prodotti sono i migliori sul mercato. 

E poi c’è quel marchio “Swiss Made” che fa pensare a discrezione, neutralità, segretezza. In pochi anni la Crypto acquisisce clienti in tutto il mondo: ambasciate, servizi segreti, unità militari. Peccato che tutte le loro comunicazioni sono accessibili ai servizi segreti americani e tedeschi. 

Washington e Berlino hanno fatto un accordo con il fondatore dell’azienda e hanno una chiave segreta che scardina tutti i codici. Una spy story affascinante che viene a galla grazie ad un’inchiesta giornalistica giocata tra gli Stati Uniti e la Svizzera. 

L’indagine è stata pubblicata a metà febbraio e da allora la domanda che tutti si pongono è una sola; possibile che la Svizzera e il suo governo, i suoi servizi segreti, la magistratura non ne sapessero niente? 

C’è un’inchiesta in corso e dagli archivi quasi a ritmo quotidiano saltano fuori documenti interessanti. Insomma, affaire à suivre. Ma intanto una cosa è già chiara: l’immagine della Svizzera neutrale e non allineata è profondamente scalfita. A Falò, tutti dettagli dell’inchiesta e un’analisi delle possibili conseguenze.

Ospiti in studio l'ex Consigliere agli Stati Dick Marty e il Consigliere Nazionale Marco Romano.


Parole chiave