Ristorazione Il piatto piange!

Di Eleonora Terzi e Riccardo Silvestri, RSI Patti Chiari

Dopo oltre cinquanta giorni di chiusura forzata, i ristoranti della Svizzera italiana sono in ginocchio e devono fronteggiare anche una nuova concorrenza: quella che arriva dall'Italia. Non solo perché ormai in Lombardia gli esercizi pubblici sono aperti, ma anche perché quegli stessi esercizi portano i loro piatti ai clienti ticinesi. La trasmissione per i consumatori Patti Chiari indaga sui retroscena del business della ristorazione transfrontaliero.

Il metodo è semplice: si ordina via WhatsApp, si fissa l'orario, si sceglie la dogana e il gioco è fatto. La zona franca che separa la Svizzera dall'Italia diventa luogo di scambio sotto gli occhi delle guardie di frontiera.

Ma succede di peggio: talvolta i piatti arrivano direttamente a casa. Un vero servizio a domicilio che parte da Como o Varese, supera le frontiere e consegna più pasti nel corso della stessa serata. Patti Chiari li ha ordinati per scoprire chi c'è dietro e come si organizza questa attività, ma soprattutto ha chiesto conto a chi dovrebbe controllare: è tutto legale?

Intanto i ristoranti svizzeri restano chiusi, nonostante la miriade di accorgimenti presi per evitarlo. Gli aiuti non mancano (lavoro ridotto, indennità per perdita di guadagno e aiuti finanziari a fondo perso) ma c'è chi ha scoperto di non avere diritto a nessuno di essi. Anche di questi ristoratori si parla nel servizio [video sopra].

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

Visita qui Link esternola pagina originale di Patti Chari, con un breve video sulle restrizioni imposte ai ristoratori svizzeri e le risposte del Laboratorio cantonale riguardanti le consegne di sushi.


Parole chiave