Navigation

Un dispositivo portatile per testare il Covid-19

Potrà servire negli aeroporti, nelle stazioni o in altri luoghi sensibili in assenza di personale specializzato. RSI-SWI

La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), l'Istituto oncologico di ricerca (IOR) e il Politecnico di Losanna (EPFL) mirano a sviluppare un dispositivo ultra-rapido per il test del Covid-19. Non sarà pronto prima di due anni ma il progetto prevede che sia portatile, utilizzabile da personale non specializzato e adattabile a futuri virus.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2020 - 10:45
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 13.08.2020)

Il dispositivo si chiamerà MicroCoVSens, sarà poco più grande di un telecomando e potrà servire negli aeroporti, nelle stazioni e in altri luoghi sensibili senza far capo a personale sanitario e di laboratorio. L'obiettivo è che stabilisca la positività o meno al coronavirus SARS-CoV-2 in pochi minuti, una decina, a partire da un campione di saliva.

Sarà presto scovato in 10 minuti? SUPSI-IOR-EPFL

La ricerca comincerà in ottobre con la parte di bioinformatica, che durerà un anno e consisterà- spiega il professore titolare di scienze biomediche USI-IOR Francesco Bertoni- in "analisi di dati pubblici dove selezioneremo le sequenze di RNA virale, da usare per disegnare le sonde che verranno poi prodotte a Losanna".

A metà del primo anno inizierà anche la realizzazione dei primi prototipi del dispositivo al Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI.

Il MicroCoVSens non sarà disponibile prima di due anni, ma se tutto va per il verso giusto sarà "una piattaforma che potrebbe essere utilizzata anche per l'identificazione di altri virus in futuro" in caso di una nuova pandemia, spiega il ricercatore senior dell'Istituto sistemi ed elettronica applicata SUPSI Igor Stefanini. Per l'adattamento del dispositivo-base a nuovi virus servirà circa un anno.


Contenuto esterno

Nel servizio RSI, Stefanini mostra il funzionamento del MicroCoVSens.

Il progetto è sostenuto dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS), nell'ambito del suo programma Covid-19, dotato di oltre un milione di franchi.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.