Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Ricerca medica Primi, piccoli passi per superare la paraplegia

Uomo sorretto da un imbracatura fissata al soffitto, portato a braccetto da 2 persone normodotate; ambiente: laboratorio medico

I professori Courtine e Bloch accompagnano un paziente paraplegico mentre muove qualche passo grazie alla stimolazione elettrica epidurale.

(KEYSTONE/ VALENTIN FLAURAUD)

Tre paraplegici possono di nuovo muovere le gambe, e qualche passo, grazie a un programma di riabilitazione sviluppato da ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL) e dell'Ospedale universitario del canton Vaud (CHUV).

La terapia, di cui riferirà giovedì la prestigiosa rivista NatureLink esterno, si basa su una sofisticata tecnica ed esercizi intensi. I nervi motori sono stimolati tramite elettrodi impiantanti chirurgicamente nel midollo spinale del paziente.

Un sistema di intervento che ha già avuto successo in esperimenti sugli animali, ma i risultati sugli umani erano finora limitati, sottolineano i ricercatori guidati da Grégoire CourtineLink esterno (EPFL) e Jocelyne BlochLink esterno (CHUV).

I team hanno adattato individualmente i modelli di stimolazione elettrica epidurale (EES), migliorando sia il posizionamento sia il "timing" degli elettrodi che imitano i segnali cerebrali per attivare il movimento dei gruppi muscolari appropriati.

Connessioni nervose ristabilite

La paralisi dovuta a lesioni del midollo spinale è stata a lungo considerata irreversibile, a meno che una certa mobilità non sia riacquisita nei primi mesi. I risultati ottenuti su un uomo in sedia a rotelle da 7 anni sembrano smentirlo.

"La cosa che ci ha stupito è questo recupero sul piano neurologico", spiega Courtine alla Radiotelevisione svizzeraLink esterno. "Persone, che da anni non potevano attivare dei muscoli, oggi lo possono fare senza alcun stimolo elettrico. Nuove connessioni nervose sono state ristabilite grazie al trattamento".

(1)

Servizio del TG sulla nuova terapia per paraplegici messa a punto all'EPFL e al CHUV di Losanna

Ciò che distingue i risultati raggiunti a Losanna da quelli di recenti studi pubblicati negli Stati Uniti è che una certa quantità di controllo del movimento è stata mantenuta anche dopo che la stimolazione è stata disattivata.

Si parla comunque di cinque mesi di intensa riabilitazione per muovere volontariamente le gambe senza EES, oppure muovere qualche passo con stimolazione e l'ausilio di stampelle o deambulatore.

Molta strada da fare

Pazienti con qualche fibra intatta e con una lesione recente possono potenzialmente recuperare di più, dunque rimane importante trattare la lesione il più presto possibile.

Esperti indipendenti mettono inoltre in guardia da aspettative esagerate: i risultati della ricerca sono ancora ben lontani dall'essere trasferibili nella routine clinica e non si deve dare la speranza ingiustificata che ci sia una soluzione per tutti.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 31.10.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box