Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Renzi e le banche: un anno vissuto pericolosamente

(tvsvizzera)

di Angelo Baglioni, Lavoce.info

Banche popolari e BCC

Il secondo anno del governo Renzi è stato un anno di notevole attivismo sul fronte bancario. Risale al gennaio 2015 il decreto-legge che ha riformato la governance delle banche popolari, imponendo la trasformazione in società per azioni alle popolari con attivo superiore agli otto miliardi. La conseguenza più importante è stata il passaggio dal voto per testa (ogni azionista ha diritto a un voto, indipendentemente dal numero di azioni possedute) al voto proporzionale al numero di azioni possedute. Si è trattato di una riforma controversa, soprattutto per il metodo (quello del decreto-legge). Bisogna riconoscere che Renzi ha dimostrato su questo fronte una notevole dose di decisionismo, rimediando anche alla incapacità di auto-riforma delle banche popolari stesse, seppure sollecitate in passato dalla Banca d'Italia. La riforma ha favorito una maggiore facilità di ricambio del controlloLink esterno delle maggiori banche popolari italiane, riducendo il potere che si era nel tempo accumulato in capo a ristretti gruppi, che hanno in alcuni casi generato anomalie e situazioni di crisi. Essa ha anche costituito la premessa per alcune operazioni di aggregazione a cui stiamo assistendo in questi giorni.

Il governo Renzi ha agito anche nel settore delle banche di credito cooperativo. In questo caso ha adottato una tattica più morbida, negoziando la riforma con i rappresentanti delle BCC stesse. Dopo mesi di trattative, si è arrivati al decreto del 10 febbraio 2016. Si tratta di una riforma resa necessaria dalla fragilità del settore, che ha visto accumularsi nel tempo numerose situazioni dove il livello dei crediti di dubbia esigibilità ha raggiunto livelli di guardia. Anche in questo caso il governo ha dovuto rimediare all'immobilismo degli operatori: processi di aggregazioneLink esterno spontanea avrebbero potuto aumentare la solidità del sistema delle Bcc, ma ciò non è avvenuto. La soluzione individuata prevede la costituzione di una unica holding capogruppo, che avrà poteri di indirizzo e controllo sulle Bcc, sebbene la maggioranza del capitale della holding sarà detenuto dalle Bcc stesse. Il patrimonio delle Bcc dovrebbe essere messo "a fattor comune" mediante una sorta di responsabilità congiunta. Sono tutti aspetti che dovranno essere chiariti dai regolamenti attuativi della Banca d'Italia.

Salvataggi bancari

La partita più dura, per il governo Renzi, è stata quella legata al salvataggio delle quattro banche regionali: Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti. Il decreto del 22 novembre scorso ha dato avvio a una procedura di "risoluzione" che ha comportato pesanti perdite per i risparmiatori al dettaglio: azionisti e detentori di obbligazioni subordinate. Tanto che il governo stesso ha poi dovuto correre ai ripari, stanziando una somma di 100 milioni di euro per risarcire almeno in parte i risparmiatori più colpiti. Anche in questo caso, il governo si è trovato un po' con le spalle al muro, dovendo porre rimedio ad una serie di lacune. Prima di tutto, la gestione disastrosa di quelle quattro banche. Ma anche il fatto che l‘associazione dei banchieri (ABI) e la Banca d'Italia si sono scontrate per mesi con la Commissione europea per concordare un intervento di salvataggio tramite il Fondo Interbancario di Garanzia dei Depositi, sapendo benissimo che questo è considerato un aiuto di Stato dalla Commissione UE. Che le regole sui salvataggi bancari fossero cambiate era noto da due anni (dall'agosto del 2013), compreso il fatto che se si utilizza un aiuto di Stato bisogna applicare il bail-inLink esterno (termine ormai entrato nel nostro vocabolario, con buona pace della Accademia della CruscaLink esterno). Ma nessuno aveva pensato di informareLink esterno adeguatamente i risparmiatori: né le banche né le autorità di settore (Consob e Bankitalia). Le nuove regole europee, approvate anche dall'Italia, impongono perdite ai risparmiatori al dettaglio anche in caso di salvataggio di una banca, e questo è quello che il governo ha fatto. L'alternativa era lasciare fallire le quattro banche, con conseguenze ancora peggiori.

Bad bank

Il nodo degli aiuti di Stato è riemerso in relazione alla bad bankLink esterno. Per risolvere il problema delle "sofferenze" bancarie (prestiti a soggetti insolventi) si è a lungo parlato di creare una o più bad banks, cioè società che acquistano dalle banche le sofferenze ed emettono obbligazioni sul mercato. Problema: se lo Stato agevola la vendita delle obbligazioni ponendo la sua garanzia, questa è un aiuto di Stato e comporta l'applicazione del bail-in. Perciò il governo italiano si è adoperato per evitare che la garanzia statale fosse considerata dalla Commissione UE un aiuto di stato, e alla fine ci è riuscito. Tuttavia, l'accordo con l'Europa (formalizzato con il decreto del 10 febbraio) è stato raggiunto ricorrendo al solito bizantinismo: per avere la garanzia, le banche devono pagare allo Stato un "prezzo di mercato". Peccato che questo mercato non esista. Inoltre, la garanzia statale potrà essere concessa solo sulla tranche senior delle obbligazioni emesse dalla bad bank, e solo dopo che almeno metà della tranche junior (priva di garanzia) sarà stata venduta ai privati. Ma chi comprerà le tranche junior? E' vero che qualche fondo speculativo disposto ad acquistarle si troverà, ma questo vorrà spuntare un prezzo molto basso; allora le banche potrebbero avere poca convenienza a vendere. Quindi lo strumento appena introdotto rischia di restare in larga misura inutilizzato. Questo pasticcio nasce da una contraddizione di fondo tra due obiettivi in contrasto tra di loro: quello di agevolare la vendita sul mercato delle sofferenze bancarie, grazie alla garanzia statale, e quello di evitare che tale garanzia sia un aiuto di Stato.

×