Pubblicità sociale "Se nuoti nei grassi, sei fritto"

Figura umana scolpita di burro si scioglie e soffrigge in una padella di alluminio

Uno spot che valse un premio ai Leoni di Cannes.

RSI-SWI

Dopo aver rivisto come la pubblicità debuttò alla TV svizzera nel 1965, avanziamo di vent'anni per aprire una finestra sulle campagne di utilità sociale. Una di queste, realizzata nella Svizzera italiana, si distinse al Festival internazionale della creatività Lions Cannes, vincendo uno tra i maggiori premi destinati alla pubblicità e settori affini.

"Se nuoti nei grassi, sei fritto". Con questo slogan, l'allora Dipartimento opere sociali del Cantone Ticino (oggi Dipartimento sanità e socialità) invitava a un uso moderato dei grassi animali in cucina.

Parole fissate nella mente del telespettatore grazie a un motivetto di Patrick Topaloff, 'J'ai bien mangé, j'ai bien bu', e all'immagine di un uomo che si scioglie in padella.

Immagine disegnata di una sveglia con la scritta TI all interno e Prevenzione al di sotto

La sveglia simbolo della campagna.

RSI-SWI

Lo spot, concluso come tutte queste pubblicità sociali con un marchio "Ticino" dal quale è ricavato un cuore, vinse il Leone di Bronzo al Festival di Cannes nel 1988.

"La salute? Dipende da te", ricordavano gli spot del Dipartimento della sanità ai cittadini ticinesi negli anni Ottanta. Un'epoca in cui maturava anche la consapevolezza dei danni causati dal fumo.

La prevenzione del tabagismo passò anche da questo spot animato, senza parole, della primavera 1986.

Altre campagne di prevenzione si basarono su personaggi animati. Quello contro l'abuso di alcolici si può rivedere in un blocco pubblicitario del 1985 [quiLink esterno].