Prezzi dinamici Punte di 101 franchi per lo skipass a St. Moritz

Primo piano di uno sciatore sotto un impianto di risalita su una pista da sci soleggiata; montagne sul fondo

Maggiore è la richiesta, più alto è il prezzo della "giornaliera" (da 'carta giornaliera', com'è comunemente chiamata in Svizzera)

fotoswiss.com

Dall'introduzione dei prezzi dinamici sulle piste da sci a St. Moritz, la tariffa più alta raggiunta per un pass giornaliero è di 101 franchi, circa 90 euro. Un picco registrato tra Natale e Capodanno. La Radiotelevisione svizzera ha raccolto le reazioni di alcuni sciatori.

È un po' come in borsa. Chi acquista quando la richiesta è alta -vale a dire all'ultimo momento, nei giorni in cui le condizioni meteo e delle piste sono buone- paga un prezzo più alto. Chi invece prenota con anticipo, quando i biglietti venduti sono ancora pochi e accollandosi il rischio di imprevisti o cattivo tempo- spende meno.

Introdotto sulle piste dell'Alta Engadina a inizio stagione, il sistema prevede un prezzo minimo (45 franchi) ma non un tetto massimo. L'azienda che gestisce gli impianti aveva stimato punte di 105 franchi. Si sono raggiunti i 101.

Il nuovo sistema sembra favorire una frequentazione più regolare e non ha scoraggiato gli sciatori nel periodo natalizio: più di 20'000, un terzo dei quali ha approfittato degli sconti.

Markus Meili, direttore della Engadin St. Moritz Mountains, respinge le critiche di chi dice che così lo sci diventa uno sport per ricchi. "Vogliamo rivolgerci a chi è interessato veramente allo sci e vuole praticarlo a St. Moritz, prenotando prima in modo da poterne approfittare".

Il prezzo dello skipass giornaliero in Alta Engadina rimarrà dinamico fino al 1° aprile.

Parole chiave