Navigation

Milano diventa arancione ma i disagi restano

Agenti in servizio all'esterno della Stazione centrale. Keystone / Andrea Fasani

Il perdurare dell'incertezza sta mettendo a dura prova il morale dei lombardi e, per le zone confinanti, non è cambiato praticamente nulla. Le testimonianze raccolte da Rsinews.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2021 - 09:48
Marco Todarello, Rsinews

Milano e la Lombardia, da domenica 24 gennaio, sono tornate in zona arancioneLink esterno: restano chiusi per la consumazione sul posto bar e ristoranti (è consentito l'asporto fino alle 22), chiusi anche cinema, teatri, piscine e palestre, ma riaprono i negozi al dettaglio ed è permessa una visita al giorno a casa di parenti o amici, se residenti nello stesso Comune. Così Milano prova a ripartire, lentamente, ma la stanchezza in città è palpabile e non si può dire che si respiri entusiasmo.

Il passaggio dalla zona rossa all'arancione è stato accompagnato da forti polemiche fra Regione Lombardia e Governo, che si sono rimpallati la responsabilità per i dati sbagliati sui contagi che sono costati alla Lombardia una settimana di zona rossa di troppo.

Contenuto esterno

Lo scontro ha riguardato la correttezza dei dati necessari a determinare l'indice Rt Link esterno(che indica quante persone possono essere contagiate da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo) e che ogni regione invia periodicamente all'Istituto superiore di Sanità (ISSLink esterno).

Secondo l'ISS la Lombardia ha segnalato un alto numero di casi incongruenti, nei quali era segnata la data inizio sintomi ma con compilazione errata o mancante dello stato clinico: da qui il calcolo sovrastimato degli infetti che ha portato Roma a determinare la zona rossa. La Lombardia si è difesa dicendo che i dati richiesti dall'ISS nello stato clinico erano facoltativi. 

Per i ticinesi intenzionati a varcare il confine, anche con la zona arancione le restrizioni restano: è possibile andare in Italia solo per comprovati motivi di salute, lavoro o studio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.