Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Mercato energetico La (breve?) rivincita dell'idroelettrico

Una diga e relativo lago artificiale viste in una giornata di sole da una delle montagne circostanti.

Zervreilasee, Vals, Canton Grigioni.

(Keystone)

Gli impianti idroelettrici svizzeri stanno approfittando di una congiuntura favorevole: i prezzi dell'elettricità in Europa sono cresciuti e le prospettive sono buone, nonostante la rinuncia al nucleare decisa in Svizzera e la concorrenza di atomo e carbone europei.

La redditività della forza idrica è stata messa a dura prova. La Confederazione ha dovuto sostenerla, negli ultimi anni, poiché il mercato europeo è inondato da elettricità prodotta da combustibili fossili, che costa meno.

Infine, però, sono arrivate la canicola e la crescita economica. Il prezzo della corrente è salito, ed è qui che gli impianti idroelettrici svizzeriLink esterno hanno potuto mettere a frutto la loro flessibilità.

Potenza quando serve

"Ci sono dighe che hanno molta potenza, e dunque possono produrre rapidamente molta energia", spiega Philippe JacquodLink esterno, fisico professore all'Alta scuola specializzata della Svizzera occidentale HES-SO, Vallese.

"Penso che le dighe che abbiamo in Svizzera in questo momento possono essere davvero redditizie", dice.

(1)

Impianti idroelettrici in Svizzera indicati su una cartina di Swisstopo

Impianti idroelettrici in Svizzera

Ma come risolvere, a lungo termine, il problema del prezzo? L'energia nucleare e fossile che abbondano in Europa pregiudicano la possibilità di vendere l'energia idroelettrica al giusto prezzo.

"Per vendere l'elettricità a un buon prezzo", stima Jacquod, "la transizione energetica deve accelerare. Ci vuole una riduzione della capacità di produzione di energie fossilli, e della produzione a base di carbone in Europa. E una riduzione del nucleare, anche in Svizzera".

(2)

Servizio del TG sul buon momento per l'energia idroelettrica in Svizzera

Ammesso che si possa convincere l'Europa sulle intenzioni, come si può intervenire?

La chiave: la tassa sul carbonio

"Oggi la tassa sul CO2 applicata in Europa è ridicola", osserva il professore. "Se fosse ai livelli svizzeri, anche solo la metà, le centrali a carbone tedesche e polacche chiuderebbero domani. E sarebbe una buona cosa".

In Svizzera, il CO2 è tassato 96 franchi alla tonnellata. Sul mercato europeo, il diritto di emissione si acquista a circa un quarto di tale importo.

"Un costo che va oltre i 30 euro per megawattora influenzerebbe le dinamiche delle fonti energetiche sul mercato", conferma Benoît Revaz, direttore Ufficio federale dell'energiaLink esterno. "E renderebbe meno redditizie le centrali che inquinano di più".

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 27.08.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box