Navigation

Massimo Donelli

tvsvizzera
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2015 - 13:06

Massimo Donelli, nato a Genova il 26 gennaio 1954, giornalista professionista dal 1976, ha cominciato il percorso professionale nel 1967 alla redazione genovese de La Gazzetta dello Sport.

In seguito ha lavorato nei quotidiani (Il Secolo XIX, Corriere d'Informazione, Corriere della sera, Il Mattino, La Notte, il Giornale e Il Sole 24 Ore); nei periodici (Fortune, Epoca, Tv Sorrisi e Canzoni, dei quali è stato direttore, e Panorama, di cui è stato condirettore); in internet (come responsabile dei contenuti del portale Fiat Ciaoweb).

Nel 2001 ha fondato ventiquattrore.tv, la tv de Il Sole 24 Ore.

Dal 2006 al 2012 ha diretto quattro canali televisivi: Canale 5, La 5, Mediaset Extra e Mediaset Italia; in seguito è stato Direttore sviluppo comunicazione tv di Mediaset, azienda che ha lasciato il 31 gennaio 2014.

Donelli è attualmente docente al Master in gestione dei media all'Università della Svizzera italiana (USI) di Lugano (dove tiene il corso di Broadcasting management) e all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (dove insegna Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico, corso interfacoltà di Economia, Sociologia, Lettere e Filosofia).

Negli anni 80 ha insegnato all'Istituto per la Formazione al Giornalismo (IFG) dell'Ordine dei giornalisti di Milano e alla Scuola di giornalismo Arturo Chiodi di Mestre (Venezia).

Dal 1994 al 2006, ha tenuto corsi di formazione per quadri, dirigenti e grandi clienti di Publitalia '80.

Donelli è amministratore unico di MediaFaber, società di comunicazione, formazione e consulenza aziendale che ha fondato il 20 dicembre 2013.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.