Navigation

Adozioni bestiali

Contenuto esterno
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2019 - 11:00


Inchiesta sul fenomeno non del tutto trasparente delle adozioni di cani veicolate sui social e provenienti dall'estero. 

Il musino tenero di un cucciolo che spunta da una rete metallica. L’appello urgente ad aiutarlo, adottandolo. Poche informazioni, un numero di telefono, molto spesso estero.

Chi di voi non ha mai visto annunci simili? Social networks e siti vari pullulano di appelli ad adottare cagnolini disperati. E allora ecco che magari si decide di fare il passo. Perché no? In fondo è per una buona causa.

Ma da dove vengono questi cani? Chi mette questi annunci? Queste adozioni vanno sempre a buon fine? Quali regole bisogna rispettare quando si decide di adottare un cane proveniente dall’estero? Negli ultimi tempi sembra che qualcosa non stia andando proprio come dovrebbe. Che cosa sta succedendo?

In seguito al servizio la discussione in studio con Luca Bacciarini, veterinario cantonale e Stephanie Scatizza Castiglioni, presidente dell’associazione Forza Rescue Dog.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.