Navigation

Quando volare era (perlopiù) un lusso

Un velivolo dell'allora compagnia di bandiera Swissair. RSI-SWI

Di cosa potrà mai parlare, un approfondimento intitolato "Gli albergatori dell'aria"? Un indizio: siamo nel 1969, e le hostess e gli steward sugli aerei si definiscono ancora "camerieri di bordo".

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2018 - 00:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

L'allora Televisione della Svizzera italiana (TSI) decise di mostrare al suo pubblico - lontano dall'aeroporto internazionale di Zurigo, e per buona parte lontano dal potersi permettere un volo- cosa c'è dietro la partenza di un aereo.

Sono le ore 12 di un giorno qualsiasi, e a Zurigo-Kloten i passeggeri si apprestano a imbarcarsi per Nuova York.

Responsabili della sicurezza e del benessere dei passeggeri. RSI-SWI

Gli assistenti di volo della Swissair illustrano il briefing prima del volo, le loro mansioni durante il viaggio -che hanno come scopo la sicurezza e il benessere dei passeggeri- e la formazione da seguire per intraprendere il loro mestiere.

Due tonnellate di caviale

Un lungo flashback, invece, ci porta alle 3 di mattina in visita alle cucine che preparano da 7 a 8 mila pasti al giorno per 35 diverse compagnie aeree. In un anno, questi locali vedono passare:

Veri piatti in vere stoviglie. RSI-SWI

100'000 chilogrammi di frutta, 1'200'000 uova, 5000 scatole di asparagi, 2 tonnellate di caviale, 100'000 casse di birra 23'000 litri di vino.

Contenuto esterno

"Gli albergatori dell'aria" di Fausto Sassi fu originariamente trasmesso il 18 ottobre del 1969.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?