Navigation

Il giallo Modigliani

Dipinto di Modigliani (Nudo sdraiato) venduto all'asta nel 2015 da Christie’s per 170 milioni di dollari. Keystone / Alastair Grant

Si sta celebrando a Genova il processo su una presunta truffa riguardante alcuni falsi Modigliani esposti nel 2017 a Palazzo Ducale e che vede coinvolti personaggi italiani e svizzeri legati al mondo dell'arte. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2021 - 19:00
Gianni Gaggini, Falò (RSI)

È il più grave scandalo che ha mai investito il mercato dell’arte moderna. Una vicenda che ha fatto tremare esperti e case d’asta e ha riproposto il fantasma della falsificazione.

I fatti risalgono al 2017 a Genova, dove una mostra dedicata al pittore livornese Amedeo Modigliani venne chiusa dalla Procura, che mise sotto sequestro 21 quadri sui 60 esposti.

Uno scandalo senza precedenti. Ne seguì un’enorme inchiesta: migliaia di pagine, perizie artistiche e scientifiche, perquisizioni, rogatorie in mezzo mondo tra cui anche in Svizzera e nel Canton Ticino.

Al termine sei personaggi sono stati rinviati a giudizio: il curatore ticinese Rudy Chiappini, l’organizzatore Massimo Vitta Zelman e il mercante d’arte newyorkese Joseph Guttmann, l’artista ticinese Pedro Pedrazzini, proprietario di uno dei presunti falsi Modigliani e due funzionari della società organizzatrice. I reati contestati sono pesanti e vanno dalla ricettazione, alla messa in circolazione di falsi d’arte, fino alla truffa aggravata.

Nel processo la Procura di Genova intende dimostrare che la mostra del 2017 serviva solo per immettere i falsi sul mercato. Le difese ritengono che sia solo una battaglia tra esperti che si combattono per ragioni di denaro e di prestigio. L’inchiesta di Falò, servendosi di testimonianze e documenti inediti, racconta i fatti e svela novità sui retroscena della Mostra dello scandalo.

Un volto inedito e pieno di sorprese del mercato dell’arte, raccontato anche dalla famosissima coppia di falsari Wolfgang e Helene Beltracchi che raccontano la loro leggenda, cosa si nasconde dietro il lavoro del falsario e quali siano le corresponsabilità di musei, case d’arte e degli esperti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.