Navigation

Uno sguardo critico e colorato sull'attualità

È un ex pubblicitario, scrittore e performer. Fino a poco tempo fa, non sapeva neppure disegnare. Ma oggi il milanese Gianni Miraglia è famoso per le sue vignette dipinte sul telefonino, o per meglio dire: i ditodisegni, con i quali riflette sull'attualità e la colora. La Radiotelevisione svizzera RSI lo ha intervistato nella sua città.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2020 - 09:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 10.02.2020)
Il dito col quale dipinge. RSI-SWI

Lo smartphone è uno strumento concepito per comunicare, ma di certo Gianni Miraglia ha trovato un suoLink esterno personale modo di commentare con il telefonino i fatti di politica e costume.

Gianni Miraglia

Benché ottimista ("noi siamo migliori delle nostre opinioni"), osserva che "dalla mancanza di informazioni siamo passati all'eccesso di informazione, e questo ci dà la sensazione arrogante di essere informati e poter dire cose tremende in base a delle opinioni che poi diventano fazioni, perché ti aggreghi a coloro che hanno la tua opinione".

Di parole, dunque, ne usa poche. Preferisce di gran lunga i colori. "Tu cresci pensando di aver capito tutto, ti vesti tutto gotico, nero, scuro. Poi a un certo momento passi 40 o 45 anni -io ne ho 54- e cominci a credere che esista l'unicorno, cominci a credere ai colori, a donare quei brandelli di fiore che abbiamo dentro".
 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.