Navigation

Nonni a tempo pieno: è giusto?

Il nonno e la nonna. RSI-SWI

Sempre più spesso, ai nonni si chiede di sostituire i genitori che lavorano. Sono ormai indispensabili per l'economia di molte famiglie. Ma è giusto fare tutto questo affidamento su di loro?

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2018 - 14:30
tvsvizzera.it/ri con RSI (Falò del 05.04.2018)

Vivono più a lungo e sono più sollecitati rispetto alla generazione precedente. Perché spesso, oggi, i giovani genitori lavorano entrambi e i nonni si ritrovano a sostituirli quasi a tempo pieno. 

I nonni hanno sempre trasmesso esperienza e valori, ma ora sono caricati di altre responsabilità. Così non è raro che in famiglia emergano divergenze o conflitti.

Il loro contributo, peraltro, non è solo immateriale: è stimato che il loro lavoro di baby-sitting equivale a 2 miliardi di franchi l'anno.

Contenuto esterno


Senza contare le rinunce che l'impegno di nonni può comportare. Compresa l'aspirazione, sempre meno rara, a restare nel mondo del lavoro.

Pensione? No, grazie!

Jean-Jacques ha fatto l’autista tutta la vita e di smettere di guidare non ha nessuna voglia. Così a 67 anni, una decina di giorni al mese, si mette al volante e porta in giro per la Svizzera delle comitive di turisti. 

Danielle ha sempre lavorato nella ristorazione; un’attività faticosa, eppure a 74 anni non ha alcuna intenzione di ritirarsi. 

Per loro, come per molte altre persone della loro età, continuare a lavorare è un piacere, un modo di mantenere dei rapporti sociali, di arrotondare le entrate e di dare un senso alla vita.

I documentari 'AAA Nonni cercasi' di Francesca Luvini, e 'Pensione? No grazie!', di Pierre Bavaud, sono stati trasmessi dalla Radiotelevisione svizzeraLink esterno RSI nel settimanale FalòLink esterno. Ospite in studio Vittoria Cesari Lusso, Professoressa di psicologia e saggista.

End of insertion


 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.