Navigation

Nel 'Treno dei bimbi' non si dorme più per forza

Diedero alloggio a centinaia di figli di lavoratori stagionali italiani in Svizzera. RSI-SWI

Le vecchie carrozze ferroviarie dalle quali negli anni '60, nel comune piemontese di Baceno, furono ricavate stanze per i figli dei lavoratori stagionali in Svizzera sono state riconvertite in villaggio vacanze. Il Treno dei bimbi è oggi un'attrattiva turistica e al contempo la testimonianza di un passato difficile per tante famiglie di emigranti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2019 - 21:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 09.10.2019)

Le colonie estive di cinquant'anni fa non erano una scelta, per i figli degli stagionali. Lo statuto di tali lavoratori non consentiva il ricongiungimento familiare, e così molti figli piccoli furono costretti a rimanere con i nonni o gli zii in Italia, a vivere da clandestini in Svizzera, oppure ancora a passare lunghi periodi in strutture di accoglienza vicino al confine [immagini dell'epoca in questo video].

La Radiotelevisione svizzera RSILink esterno ci riporta in un villaggio immerso nel verde a BacenoLink esterno, in Piemonte. A guidarci è padre Vincenzo: ancora oggi, a gestire il Treno dei Bimbi sono i frati cappuccini di Domodossola.

Vincenzo ci racconta come il villaggio, colonia estiva della Casa del Fanciullo, poté contare sull'amicizia di padre Michelangelo (fondatore della Casa) con Oscar Luigi Scalfaro, a quel tempo ministro dei trasporti. Ma anche sulla solidarietà dei ferrovieri della zona, che aiutarono a posizionare i vagoni.

Contenuto esterno

Nel servizio, non manca una breve intervista a tre bambini di allora.




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.