Navigation

Da Vladimir a Vladimir, passando per Silvio

Wladimir Luxuria bloccata a Sochi dalla polizia ansa

di Massimo Donelli

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2014 - 18:40

Prendete fiato e leggete ad alta voce questo scioglilingua:

"Qual è il Paese europeo in cui un transgenderLink esterno ex deputato comunista siede come opinionista nella trasmissione più detestata dal popolo della sinistra che va in onda sulla rete ammiraglia del network posseduto dal leader del centrodestra più odiato dal suddetto popolo?".

Bene.

Ora ritrovate un respiro regolare, ossigenate il cervello e rispondete:

  1. la Germania;
  2. il Regno Unito
  3. l'Italia.

Volete un aiutino?

Eccolo: il transgender si chiama Vladimir e lo scorso gennaio è volato fino a SochiLink esterno, sul Mar Nero, in Russia, per protestare contro un altro Vladimir che prima lavorava per il sovietico Komitet Gosudarstvennoj BezopasnostiLink esterno (Comitato per la sicurezza dello Stato, più noto come KGB) e ora è il migliore amico del peggior nemico della sinistra, cioè il leader del centrodestra di cui parlavamo prima.

Allora avete capito?

Ma certo: un pasticcio simile porta diritto diritto in Italia, e dove se no?

Infatti l'opinionista è Wladimiro Guadagno, 48 anni, di FoggiaLink esterno, in arte Vladimir LuxuriaLink esterno, ex deputato di Rifondazione comunistaLink esterno, vincitore nel 2008 e inviato nel 2012 dell'Isola dei famosiLink esterno, bloccato dalla polizia a Sochi il 16 febbraio 2014 e subito rimpatriato perché protestava contro l'omofobo Vladimir PutinLink esterno, 61 anni, premier russo.

La trasmissione è il Grande FratelloLink esterno di Canale 5Link esterno, rete portante di MediasetLink esterno, l'azienda controllata da Silvio BerlusconiLink esterno, 77 anni, padre del centrodestra italiano, araldo dell'anticomunismo.

Come ben sanno i lettori di Radio MonteceneriLink esterno, è il secondo cortocircuito tra politica e Grande Fratello in poche settimane: il primo, che riguarda i grillini, lo abbiamo raccontato, infatti, proprio quiLink esterno.

Ma questo è ancor più paradossale. Vediamo…

Mentre Berlusconi è in tutt'altre faccende affaccendato (dolori al ginocchioLink esterno, servizi socialiLink esterno, refresh di Forza ItaliaLink esterno, campagna per le EuropeeLink esterno), Vladimir Luxuria, risorta dall'oblio, è inseguita dai microfoni degli aspiranti intervistatori. Tv talkLink esterno, il progamma di RaitreLink esterno in onda il sabato che si occupa di televisione, l'ha avuta come ospite nell'ultima puntata: Vladimir non ha perso l'occasione per dire che con il Grande Fratello "si mantiene la pace socialeLink esterno".

E il comunismo da rifondare?

Può attendere.

Prima il cachet dell'anticomunista Silvio amico del nemico Putin.

Poi, nel caso, bandiera rossa la trionferàLink esterno.

Massimo Donelli

massimo.donelli@usi.ch

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.