Cultura La mummia di Brissago al vaglio della scienza forense

Corpo bendato mummificato su sfondo completamente bianco

Aveva approssimativamente 40 anni.

RSI-SWI

È allo studio dell'Istituto di medicina legale di Zurigo la mummia finora custodita al palazzo Branca-Baccalà di Brissago. Proveniente dall'Egitto, comprato a fine Ottocento da un collezionista italiano, il sarcofago che contiene il corpo mummificato di una donna imbalsamata 2'700 anni fa è stato sollevato per la prima volta a metà marzo, dopo mesi di preparazione, in vista del restauro da parte della Scuola universitaria professionale di Neuchâtel cui seguirà l'esposizione permanente a San Gallo.

Compito della scienza è svelare i segreti sulla vita e la morte di Ta Shreit En Jmen. Donna di alto rango, aveva grossomodo 40 anni e visse nella città di Tebe, nei pressi dell'attuale Luxor. Le immagini tridimensionali prodotte e diffuse mercoledì dall'istituto zurighese -lo stesso nel quale si eseguono le autopsie- ci consentono di ammirarla come non l'avevamo mai vista.

Scansione laterale di ossa e tessuti di un corpo umano
RSI-SWI

Ci sarà anche un mistero da risolvere: parte dell'involucro risale all'800 a.C. e parte a sette secoli più tardi. "Noi siamo responsabili delle analisi biomediche", chiarisce il direttore dell'Istituto di medicina evoluzionaria dell'Università di Zurigo Frank Rühli, "che serviranno agli egittologi e ai restauratori a scoprire nuove informazioni".

L'innovativo metodo di scansione, combinato alla tomografia, svelerà dettagli del bendaggio di lino e dei resti umani che esso nasconde. Sono emerse ad esempio delle lesioni al teschio.

Nel servizio RSI, l'intervista integrale a Rühli -che spiega in quale stato sono le ossa e le tracce di organi molli- e all'egittologa del Museo di San Gallo Alexandra Küffer.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 14.04.2021)

Parole chiave