Coronavirus e ristorazione Fioriscono consegne a domicilio e take-away

Un terzo dei ristoranti del Canton Ticino si sta attrezzando per il servizio a domicilio o da asporto: le misure straordinarie varate lunedì dal Consiglio federale per contenere l'epidemia di coronavirus non precludono infatti la consegna dei pasti. Neppure il decreto del governo cantonale che domenica aveva sancito la chiusura degli esercizi pubblici a sud delle Alpi la vietava, dando una speranza a chi, tra mille difficoltà, ha forse trovato un modo di limitare i danni.

Entrata di un ristorante con accanto una lavagna su cui è spiegato, in tedesco, come ottenere i pasti

La soluzione temporanea trovata da circa un terzo dei ristoranti del Ticino è in realtà diffusa anche a nord delle Alpi (nella foto, una pizzeria di Stans, Nidvaldo).

Keystone / Urs Flueeler

Ristoranti, pub, gelaterie, rifugi alpini e tutti i bar, inclusi quelli annessi alle pasticcerie, alle stazioni di servizio e ferroviarie, ai campeggi e agli alberghi, non possono piùLink esterno accogliere clientela nei loro locali né servirla al bancone interno.

L'unica eccezione in senso stretto è prevista per il servizio di ristorazione degli hotel, che possono servire chi pernotta nella struttura, ovvero i pochi turisti rimasti nonché quei lavoratori frontalieri impiegati nei servizi essenziali ai quali il datore di lavoro ha trovato un alloggio, per evitare ritardi e rischi connessi all'attraversamento quotidiano della frontiera, in un periodo di accresciuti controlli e dove le limitazioni potrebbero essere inasprite da un momento all'altro.

Pur non essendo costretti, riferisceLink esterno il presidente di HotellerieSuisse Ticino a RSI News, alcuni alberghi stagionali in Ticino hanno deciso di posticipare l'apertura, generalmente prevista per aprile (Pasqua). Tra le strutture sempre aperte, per contro, non sembrano molte quelle che hanno deciso di chiudere di loro iniziativa. 

Uno spiraglio, per gli altri esercenti, è il servizio a domicilio o d'asporto, che rimane possibile purché si rispetti la normativa: nessun cliente all'interno del locale, dove vigono norme igieniche accresciute e di distanza sociale, e nessuna coda all'esterno.

Tutto è spiegatoLink esterno sul sito dell'associazione di categoria Gastro Ticino, così che i meglio attrezzati e più intraprendenti possano reinventarsi nel giro di poche ore. E, a giudicare dalle testimonianze raccolte dal Quotidiano della RSI, tra loro c'è chi riesce ancora a vedere il bicchiere mezzo pieno.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave