Navigation

Fuochi d'artificio "in sordina", si può

Lo spettacolo pirotecnico del 1° agosto a Bienne in un'immagine d'archivio. Keystone

Per il bene degli animali, il Comune di Bienne ha tentato quest'anno di diminuire i decibel dei fuochi d'artificio alla Festa nazionale del 1° agosto, pur mantenendo alto il livello dello spettacolo. Pare esserci riuscito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 agosto 2018 - 12:25
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 01.08.2018)

Tutto nasce da un'interpellanzaLink esterno al Consiglio comunale della città bilingue (Biel/Bienne).

 "Alcune persone mi hanno contattato per chiedermi se non si potesse fare qualcosa per ridurre il rumore", rievoca il verde Urs Scheuss. "Affinché gli animali, cani, gatti, uccelli fossero meno stressati dal rumore".

Gli organizzatori dello spettacolo pirotecnico hanno accolto la richiesta, rinunciando ai "colpi di cannone" che indicano l'inizio e la fine, e selezionando i fuochi meno assordanti.

Una piccola rinuncia

Certo, "un fuoco un po' meno rumoroso o completamente silenzioso più piccolo e meno alto, dunque meno visibile", spiega il responsabile Marc Cattaruzza.

Eppure, martedì sera al termine di 20 minuti di esplosioni colorate, solo una parte degli spettatori pareva aver notato la differenza. Segno che si è raggiunto un buon compromesso. 

Contenuto esterno

Compromesso che al consigliere comunale verde, però, non basta. Il suo obiettivo a lungo termine è tornare a un tradizionale, e silenzioso, semplice falò.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.