Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Che settimana, cavalier Conti!

(ANSA)

Hypercorsivo di Massimo Donelli

Che settimana per Carlo ContiLink esterno!

Il suo secondo Festival di SanremoLink esterno.

Il secondo compleanno del suo unico figlio, Matteo, nato il 10 febbraio 2014.

E, come abbiamo scritto all'inizio dell'annoLink esterno, un nemico da battere: se stesso.

Carlo, infatti, nel 2015 ha portato il Festival ad ascolti recordLink esterno.

Si è meritato la riconferma.

Ma ora tutti aspettano di vedere se sarà capace di fare il bis anche con l'AuditelLink esterno.

Grande fermento generale, quindi, fuori e dentro la RaiLink esterno.

Dove il più tranquillo sembra proprio lui.

Che, a un mese scarso dal suo compleanno (fiorentino, festeggerà 55 anni, portati benissimo, il 3 marzo), se guarda indietro non può che sorridere compiaciuto.

Eccome!

Legatissimo ai conterranei Giorgio PanarielloLink esterno e Leonardo PieraccioniLink esterno, gli amici di una vita, Carlo, infatti, dall'inizio del terzo millennio è il volto più rassicurante e l'uomo di punta di Raiuno.Link esterno

Per rendersene conto basta snocciolare l'elenco dei programmi di successo che ha condotto: I raccomandatiLink esterno, L'ereditàLink esterno, I migliori anniLink esterno, Tale e quale showLink esterno

Fino, appunto, al trionfo di Sanremo 2015.

Per di più facendo, come si dice nell'ippica, percorso nettoLink esterno.

Mai un incidente.

Mai una polemica.

Mai uno scandalo.

Solo una lunga catena di successi senza macchia, che lo accomuna, nel ricordo del mitico Mike BongiornoLink esterno, al suo alter egoLink esterno in MediasetLink esterno, Gerry ScottiLink esterno.

Come Gerry, Carlo ha l'aria rassicurante di un bancario d'altri tempi (e in banca ha lavorato per davvero!).

Come Gerry, è una colonna del telequiz e un potente traino per il telegiornale.

Come Gerry, ha cominciato in radio.

E, partendo da lì, ha fatto una lunga gavetta in Toscana, tra discoteche e teatri, assieme a Pieraccioni e Panariello, dispensando risate anche sulle tv locali.

Prima in Succo d'arancia, poi nel leggendario Vernice fresca, uno spettacolo comico che ha aperto a tutti e tre le porte della ribalta nazionale.

Infatti…

… Pieraccioni ha sfondato nel cinema come regista…

… Panariello è un attore popolarissimo…

… Conti, professionale, educato, sempre impeccabile, è, di fatto, l'erede di Pippo BaudoLink esterno.

E proprio come Baudo è stato un grande sciupafemmineLink esterno.

Almeno fino all'antivigiliaLink esterno del matrimonio.

Lo ha confessato, pubblicamente, dopo aver sposato, a 51 anni, nella sua FirenzeLink esterno, la costumista romana Francesca VaccaroLink esterno, di undici anni più giovane: "Prima di conoscerla, ero malato di dongiovannite. Quando l'ho conosciuta, l'insopprimibile desiderio di amare più donne possibile si è trasformato nell'aspirazione ad amarne una sola. Possibilmente per sempre. Possibilmente lei. Per fortuna, la persona giusta era lì, davanti a me. E mi amava nello stesso modo. Il matrimonio è stata una conseguenza naturale. Al mattino, apro gli occhi, vedo Francesca e sono tanto felice. Le devo tutto".

Ora, così, immagine pubblica e vita privata combaciano perfettamente.

Merito anche del piccolo, amatissimo Matteo, alla cui nascita Carlo ha brindato (altro tratto di normalità) assieme ai paparazziLink esterno che lo aspettavamo all'uscita dalla nurseryLink esterno.

Unico vezzo fuori…ordinanza: la perenne abbronzatura.

Ha raccontatoLink esterno a Ok SaluteLink esterno: "La mia mania è sotto gli occhi di tutti. Ma sono fortunato. Madre natura mi ha dotato di una pelle al limite dell'umano: non conosco la fase rosso aragosta, tipica di chi si è appena esposto al sole. Io passo direttamente dal color cappuccino al caffè nero. Così, appena ho qualche giorno libero, in qualsiasi stagione dell'anno, volo al caldo. Del sole non so proprio fare a meno, è una specie di necessità. Vedermi meno che nero no, non è da me, proprio non lo sopporto. E allora delle volte, in inverno, per regalarmi qualche tonalità di colore in più, oppure per prepararmi a un imminente viaggio esotico, lo ammetto, mi concedo una lampada. Però solo al viso. Cerco sempre centri specializzati, sto attento che usino macchinari certificati, sbircio su quale sia l'ente che ha eseguito i controlli. Poi mi concedo la mia lampada facciale, per non più di un quarto d'ora. Ma non sarà mica per quei pochi minuti l'anno di raggi ultravioletti che vorrete mettere in dubbio la mia abbronzatura naturale, no? Talmente naturale che a fine estate sono nero come la notte".

Cavaliere al Merito della Repubblica dal 27 dicembre 2003, Conti ha trovato a Sanremo la sua consacrazione televisivaLink esterno.

Se gli va bene anche quest'anno, potrà puntare diritto diritto al record di Baudo.

Che sul palcoscenico del Teatro AristonLink esterno ha condotto ben 13 edizioni del Festival (11 volte Mike Bongiorno, 5 volte Nunzio FilogamoLink esterno).

Voi che ne dite, ce la farà?

Segui @massimodonelliLink esterno

×