Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Bocca di Rosa sì, ma con il catarifrangente

(Telegraph)

Hypercorsivo di Massimo Donelli

Dov'è il limite alla fantasia degli italiani?

Probabilmente non c'è.

Né mai ci sarà.

Sentite questa…

Siamo a Spino d'AddaLink esterno, provincia di CremonaLink esterno, ma appena dieci chilometri da LodiLink esterno e solo una trentina da Milano. Zona molto trafficata. Ancora più trafficata da quando c'è stato il raddoppio della PaulleseLink esterno, arteria cruciale che si snoda tra l'Autostrada del SoleLink esterno da una parte e la A4-SerenissimaLink esterno dall'altra.

Camionisti, rappresentanti di commercio, pendolari…

Un va' e vieni che non finisce mai.

Una situazione ideale per i mercanti del sesso.

Un inferno quotidiano per decine di prostitute.

Che, vale la pena ricordarlo, vendendosi non violano alcuna leggeLink esterno. Ma, certo, non incontrano il favore generale, come ha ben raccontato il mitico Fabrizio de AndrèLink esterno nell'immortale Bocca di rosaLink esterno.

E così il vicesindaco di Spino d'Adda, Luciano Sinigaglia, 63 anni, dopo averci ragionato un po' su, si è convinto di aver trovato il modo per fare piazza pulita di quell'indecente mercanteggiare sulla pubblica via.

Come?

Con un'ordinanza che deve avergli ispirato il sostantivo lucciolaLink esterno.

E sì, perché il buon Luciano ha stabilito, d'accordo con il sindacoLink esterno, Paolo Riccaboni, 44 anni (guida una giunta Pdl-Lega-Lista civicaLink esterno), di imporre alle ragazze che si prostituiscono a Spino l'abbigliamento obbligatorioLink esterno per tutti i lavori stradali: giubbotto catarifrangente dalle 8 alle 18 e, con il calar delle tenebre, anche i pantaloni in Link esternonuanceLink esterno.

Sì, avete capito bene: la divisa che indossano gli operai incaricati di sistemare l'asfalto.

Appena fa buio, quindi, addio minigonna inguinale.

E se la ragazza non si adegua?

Peggio per lei: 500 euro di multa, gli stessi previsti (da un'ordinanza di quattro anni fa che, evidentemente, ha avuto poco effetto…) per i clienti.

Lo so che sembra tutto inventato.

E, invece, è tutto vero.

Pensate, Luciano (già protagonista di un clamoroso…autoincidenteLink esterno) è talmente convinto e contento della genialata - di cui ha parlato, letteralmente, mezzo mondoLink esterno - da dichiararsi pronto a pagare di tasca propriaLink esterno la divisa per tutte le prostitute che vorranno adeguarsi al nuovo look.

Ma le ragazze protestano: come si fa a vendere senza la vetrina?

Già…

Ora è il loro turno nel far volare la fantasia: tira di qua, taglia di là, vuoi vedere che finiranno per dare scacco matto al vicesindaco?

Segui @massimodonelliLink esterno

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×