Navigation

Ginostra, l'isola da sempre isolata

Keystone / Carmelo Imbesi

Ginostra e i suoi 40 cittadini non hanno mai sofferto la solitudine e per loro, il confinamento, è una pratica di vita quotidiana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2021 - 15:46
Marco Carlone e Daniela Sestito, RSI News

Arcipelago delle Eolie: sulle pendici del vulcano di Stromboli sorge un’isola nell’isola. È GinostraLink esterno, un borgo collegato al resto del mondo solo attraverso un minuscolo approdo, che può ospitare unicamente un’imbarcazione alla volta. L’alternativa è uno scosceso sentiero, ormai in disuso, che conduce al centro abitato più grande dell’isola, sul versante opposto del vulcano.

Sebbene l’orografia del territorio la renda difficilmente accessibile, Ginostra non ha mai sofferto la solitudine. Tuttavia, il borgo ha subìto lungamente un particolare “isolamento”: servizi di base – come elettricità, poste e lo stesso porticciolo – hanno richiesto ai residenti anni di lotte. Poi, negli ultimi vent'anni, sono arrivati.

Le complesse dinamiche della quotidianità non hanno però impedito a una piccola comunità internazionale di stabilirsi in questo angolo remoto del Mediterraneo. Oggi i 40 abitanti stabili sperano che la piccola società ginostrana possa continuare a far vivere il borgo, mantenendo un equilibrio fra le attività turistiche esistenti e la natura selvaggia del territorio.

Contenuto esterno


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.