Navigation

Quando la carne non è… carne

I prodotti "simil-carne" vivono un vero boom. Ma cosa contengono? E soprattutto il loro prezzo è giustificato? L'inchiesta del settimanale della Radiotelevisione svizzera Patti Chiari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2018 - 14:18
RSI Patti Chiari, Rémy Vincent
Contenuto esterno


C’è chi lo fa per la propria salute, chi per ragioni etiche, chi per preoccupazioni ecologiche. Fatto sta che sono sempre di più le persone che evitano i prodotti a base di carne o per lo meno cercano di ridurne il consumo. Ma le “vecchie abitudini” spesso sono difficili da abbandonare, ed ecco che si moltiplicano i prodotti che assomigliano alla carne e addirittura ai salumi, ma sono fatti con ingredienti vegetali.

Negli Stati Uniti, un’equipe di scienziati in anni di ricerche ha messo a punto un’emoglobina vegetale in grado di fornire al nostro organismo quell’apporto in ferro che i prodotti a base vegetale non sono in grado di garantire e ai suoi burger il sapore della carne. Una ricerca confluita in un prodotto il cui nome è tutto un programma: Impossible Burger. Sempre negli Stati Uniti è stato sviluppato anche il Beyond Burger: e cioè un prodotto che, letteralmente, va oltre il burger.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.