Navigation

Cosa rimane del '68 tra buone e cattive eredità

RSI-SWI

Cosa resta, del '68? Intervista allo storico Paolo Pombeni, dell'Università di Bologna, che alla domanda ha risposto con un intero libro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2018 - 21:55
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 04.05.2018)

Il rapporto tra le generazioni e tra i sessi, come il ruolo della scuola o della Chiesa, erano già stati messi in discussione. La contestazione del 1968 amplificò tutto, generando un'epoca di grandi cambiamenti.

Un periodo che, però, ha lasciato un'eredità complessa, come la lotta all'autoritarismo travisata in lotta a ogni forma di autorità, o lo slogan "tutto e subito" che ha travolto il senso della pazienza storica.

"Questa è una delle peggiori eredità del '68", dice al Tg della Radiotelevisione svizzeraLink esterno Paolo Pombeni. Il quale non manca di notare come i contestatori di una volta, diventati classe dirigente, abbiano smesso di invocare il ricambio generazionale.

Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.