Navigation

Cryptogate, l'autorità parlamentare indaga

La Delegazione delle Commissioni della gestione del parlamento (DelCG), autorità parlamentare di vigilanza sui servizi segreti in Svizzera, indagherà sul caso della Crypto AG, l'azienda di Zugo usata per decenni a fini di spionaggio dai servizi statunitensi e tedeschi ai danni di oltre 100 Stati. La questione centrale è accertare cosa sapessero le autorità elvetiche.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 febbraio 2020 - 11:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 13.02.2020)
La sede centrale a Steinhausen. Keystone / Alexandra Wey

Le prime udienze si terranno già nel mese di febbraio, ha annunciato giovedì alla stampa il presidente della DelCGLink esterno Alfred Heer, precisando che non ci sono dubbi che dei servizi stranieri abbiano utilizzato l'azienda per spiare terzi: lo confermano diverse reazioni nei Paesi coinvolti, in particolare l'ex coordinatore degli 007 tedeschi intervenuto mercoledì alla trasmissione della tv svizzero-tedesca SRF 'Rundschau'.

Il portavoce del Consiglio federale (governo) André Simonazzi ha però affermato di non aver ricevuto nessuna reazione da parte di Stati potenzialmente interessati dall'attività di spionaggio.

La DelCG esercita la vigilanza sulle attività del Servizio attività informative della Confederazione SICLink esterno dal profilo della legalità, dell’adeguatezza e dell’efficacia. Sui servizi veglia anche un'Autorità di vigilanza indipendente. Entrambe hanno pieno accesso ad attività e documenti del SIC. I servizi sono sottoposti a ulteriori verifiche, relative alle finanze e alla protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT). Fonte: DDPSLink esterno.

End of insertion
Contenuto esterno

Una ricostruzione complessa

La vicenda prese avvio nel 1945. I fatti sono dunque difficili da stabilire e interpretare oggi, cosicché il governo -informato del caso dal Dipartimento della difesa (DDPS) lo scorso 5 novembre- ha incaricato il l'ex giudice federale Niklaus Oberholzer d chiarire la questione. Il suo rapporto, commissionato il 15 gennaio, sarà presentato entro fine giugno.

La DelCG saluta questo incarico ma ritiene che non sarà sufficiente, né per l'opinione pubblica né per la politica. Per questo motivo ha deciso di avviare un'indagine.

Negli anni '90, l'ingegnere della Crypto Hans Bühler fu tenuto prigioniero in Iran per nove mesi con l'accusa di spionaggio. Keystone / Str

La delegazione non ha precisato chi intende ascoltare, ma verosimilmente inviterà ex collaboratori del Dipartimento della difesa ed ex consiglieri federali come Kaspar Villiger, il cui nome figura in documenti dei servizi segreti USA ma che ha negato su vari media di essere stato a conoscenza dello spionaggio condotto tramite la Crypto.

CPI pendente

Da più parti, si chiede anche l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta. Il gruppo socialista ha presentato un'iniziativa in questo senso, sulla quale venerdì si esprimerà l'ufficio del Consiglio nazionale (camera bassa del Parlamento). In caso di approvazione, dovrà poi pronunciarsi la controparte del Consiglio degli Stati (camera alta) e se la proposta riceverà un doppio 'sì' passerà al vaglio di governo e Camere.

Contenuto esterno

L'istituzione di una CPI precluderebbe altre indagini parlamentari, e porrebbe quindi fine a quella della DelCG. 

Benché la commissione parlamentare d'inchiestaLink esterno sia lo strumento più incisivo di cui dispone il legislativo per far luce su vicende di grande rilievo, non ci sono differenze tra la CPI e la DelCG nell'accesso a informazioni e documenti. Entrambe possono richiedere i verbali delle sedute del governo, i documenti segreti e informazioni ai privati, nonché ascoltare persone in qualità di testimoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.