Navigation

Nuovamente chiusa la ferrovia Vigezzina

La ferrovia Vigezzina resta nuovamente chiusa per il rischio di scoscendimenti di terra e massi almeno fino a domani, quando i geologi italiani effettueranno un nuovo sopralluogo per verificare la situazione. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2018 - 18:22
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Per aggirare la zona del franamento in Valle Vigezzo, dove lo scorso primo aprile una coppia di Minusio ha perso la vita, le autorità locali tornano a chiedere una nuova strada.

Si tratta di un progetto noto, risalente a una trentina di anni fa, che il sindaco di Rè intende riproporre, affinché si possa risolvere in modo definitivo il problema su un tratto di strada a rischio scoscendimenti.

"Il costo previsto è di circa tre milioni di euro e i soldi, volendo, si possono anche trovare per realizzare l'opera", sottolinea Oreste Pastore ai microfoni della RSI, stando al quale: "Si tratta di realizzare un ponte di un'ottantina di metri per bypassare l'area più a rischio...; l'opera potrebbe essere realizzata in poco meno di un anno di lavori".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.