Riforma delle forze dell'ordine Trump vuole una polizia più forte

Donald Trump ha le idee chiare: "gli Stati Uniti hanno bisogno di forze di polizia più forti e non possono fare alcun progresso etichettando milioni di americani come razzisti". Così una tavola rotonda svoltasi a Dallas. Ma è stata anche l'occasione per una nuova polemica.

Sostenitori di Trumo con cartelli all arrivo del presidente a Dallas.

Non tutti negli Stati Uniti odiano Donald Trump...

Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.


"Dobbiamo difendere la nostre polizia e non tagliare i fondi alla polizia", ha proseguito Trump durante una tavola rotonda a Dallas. "Dobbiamo assicurare che la nostra polizia venga formata bene, istruita perfettamente e sia dotata del miglior equipaggiamento".

Il presidente ha annunciato un ordine esecutivo per incoraggiare i dipartimenti di polizia a rispettare gli standard attuali più professionali per l'uso della forza, aggiungendo che bisogna investire di più nell'addestramento degli agenti.

I dettagli nel servizio del telegiornale:

Nuova polemica

Donald Trump ha tenuto la tavola rotonda a Dallas sulla polizia e le discriminazioni razziali senza invitare i tre dirigenti più alti in grado delle forze dell'ordine locale: la sceriffa Marian Brown, il capo della polizia Renee Hall e il procuratore distrettuale John Creuznot, tutti afroamericani.

La Casa Bianca ha difeso la decisione insistendo sul fatto che il presidente avrebbe ascoltato comunque opinioni diverse, come quella del capo della polizia di Glenn Heights, una piccola cittadina a sud di Dallas.

Ma Creuznot ha criticato il mancato invito ai tre dirigenti locali: "naturalmente Trump non ha ottenuto un quadro completo dei suggerimenti da parte delle forze dell'ordine, siamo noi (tre, ndr) le persone sul terreno".

Essere neri non è facile in America

Il nostro corrispondente da Washington, Massimiliano Herber, ne ha parlato con una docente universitaria bianca, madre di due figli neri. Ecco il suo servizio:


Parole chiave