Regalare un libro ad uno sconosciuto

Un'iniziativa che ricalca la tradizione napoletana dei caffè offerti, ma applicata ai libri

Entrare in libreria e ricevere un libro in regalo. Da uno sconosciuto. E, se si desidera, fare la stessa cosa per un nuovo avventore del negozio. Idea semplice, quanto lodevole quella nata in una libreria di Milano, e che ora ha sconfinato anche in Ticino.

Il nome è "Libro sospeso", proprio come nella tradizione partenopea in cui si paga in anticipo un caffè al bar, lo si lascia "sospeso" cioè, per chi lo desidera. Grazie al passaparola e ai social network, in pochi mesi, l'idea del libro sospeso ha già contagiato centinaia di persone. Un piccolo gesto d'altruismo che potrebbe aiutare ad accrescere la percentuale di lettori in un paese, l'Italia, in cui i libri sono sempre meno "consumati".

Parole chiave