Navigation

Record di sbarchi, Frontex accusa le ONG

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2017 - 18:44
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 24.4.2017)

Con l’inizio della bella stagione si sono intensificati gli sbarchi di immigrati sulle coste italiane, che da inizio anno hanno raggiunto numeri record. Nel 2017 sono stati finora ben 37'000 gli arrivi di profughi dall’Africa settentrionale, oltre il 40% in più – pari a 12'000 persone - rispetto all’anno scorso e Frontex, l’Agenzia europea per il controllo delle frontiere, chiama in causa le Organizzazioni non governative.

Per l’istituzione europea la decina di navi delle ONG presenti nel Mediterraneo aspetterebbero le imbarcazioni dei trafficanti al limite delle acque territoriali libiche e prenderebbero in consegna i migranti che verrebbero poi trasportati in sicurezza verso i porti italiani.

Che non sia una tesi campata in aria lo confermerebbero le indagini avviate da tre procure siciliane che intendono fare chiarezza sui flussi di africani verso l’Italia, così come diversi politici (ultimamente soprattutto da parte dei dirigenti del Movimento 5 Stelle) che puntano l'indice su quello che definiscono un vero e proprio commercio.

La metà dei soccorsi è orami effettuato dalle ONG ma questa quota sembra salire mentre le chiamate alla centrale operativa di Roma sono in flessione, circostanza questa che insospettisce i responsabili di Frontex. Va comunque aggiunto che tra le cifre in crescita figurano anche quelle delle vittime in mare: quest’anno i morti affogati hanno già superato la soglia di 900.   

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.