La televisione svizzera per l’Italia

Zurigo non ci sta, “non sono stati maltrattati gli attivisti per il clima”

Agenti portano via un dimostrante a Zurigo nell'ottobre 2021.
Agenti portano via un dimostrante a Zurigo nel corso di una manifestazione il 5 ottobre 2021. KEYSTONE

Il Comune replica alle critiche sollevate da esperti/e indipendenti nominati dall'ONU per l'arresto di ambientalisti nel corso di manifestazioni non autorizzate.

Le autorità di Zurigo respingono le accuse di maltrattamenti commessi nel 2020 e nel 2021 contro attivisti per il clima, che si erano successivamente rivolti alle Nazioni Unite.

In una presa di posizione, il Dipartimento di sicurezza della città sulla Limmat sottolinea – in merito alle critiche espresse dagli esperti/e indipendenti incaricati dall’ONU – come nessuna delle persone menzionate abbia sporto denuncia o inoltrato ricorso.

+ Le proteste per il clima hanno bisogno della disobbedienza civile?

Questi si erano invece detti preoccupati per possibili “restrizioni indebite e ingiustificate dei diritti”, affermazione che ha innescato la reazione delle autorità comunali zurighesi.

Le autorità respingono le accuse

In particolare, la polizia respinge qualsiasi accusa di uso sproporzionato della forza e ritiene di aver tenuto sufficientemente conto delle libertà fondamentali.

“Le persone interessate erano libere di difendersi dalle presunte inadempienze delle autorità di perseguimento penali”, precisa una nota. “Che lo facciano ora, diversi anni dopo, in modo generico con questi mezzi – aggiunge la Città – è difficilmente comprensibile per la polizia cittadina e non sembra essere particolarmente credibile”.

La tesi degli esperti

Martedì i cinque relatori speciali delle Nazioni Unite hanno espresso alle autorità federali la loro inquietudine in relazione al perseguimento nel 2020 e 2021 di attivisti per il clima, alcuni dei quali di Extinction Rebellion, arrestati durante manifestazioni non autorizzate.

Le manifestazioni “costituiscono degli atti di disobbedienza civile in linea con il diritto internazionale”, sottolineano i relatori speciali. Questi si dicono pure inquieti per le detenzioni prolungate senza comparizione davanti a un procuratore, che possono durare anche più di due giorni, nonché per l’accesso limitato ad avvocati.

Le autorità federali avevano risposto qualche giorno fa alla lettera del gruppo di commissari internazionali ma le loro indicazioni non sono ancora state rese pubbliche (la presa di posizione della città di Zurigo era allegata a tale lettera).

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR