La televisione svizzera per l’Italia

Zurigo, finita senza disordini la protesta studentesca pro palestinese

sit in studenti università zurigo
Gli studenti se ne sono andati senza creare disordini. KEYSTONE/© KEYSTONE / ENNIO LEANZA

Poco dopo le 17 di martedì il gruppo di studenti e studentesse che occupavano l'atrio della sede principale dell'Università di Zurigo se n'è andato senza creare disordini.

Il gruppo di studenti dell’Università di Zurigo che ha iniziato martedì un’azione di protesta a sostegno della Palestina, ha lasciato poco dopo le 17 il Lichthof, l’atrio dell’edificio principale. La polizia, che era presente sul posto, pronta a dar seguito alla richiesta di sgombero, non ha dovuto intervenire.

A partire da mezzogiorno alcune decine di manifestanti hanno dato via a un sit-in di protesta, che è andato avanti fino a poco prima delle 17, quando alcuni rappresentanti dell’Università si sono avvicinati al gruppo per convincerlo ad andarsene.

Gli studenti, dopo una nuova richiesta di dialogo con la direzione dell’ateneo, hanno impacchettato bandiere, manifesti e megafoni e se ne sono andati.

Chiesta una presa di posizione all’ateneo

Come già accaduto in altre università svizzere, soprattutto romande, i manifestanti hanno chiesto all’Università di Zurigo una chiara presa di posizione sul conflitto in Medio Oriente e il boicottaggio di istituzioni e aziende israeliane “coinvolte in qualsiasi modo nel genocidio” a Gaza.

In un comunicato a nome del gruppo “Students for Palestine” (trad. Studenti per la Palestina), che afferma di iscriversi nel movimento internazionale, pacifico e di solidarietà con il popolo palestinese, i e le manifestanti dicono di rifiutare ogni forma di violenza, antisemitismo e islamofobia.

La settimana scorsa, un analogo sit-in era stato inscenato anche nell’atrio del Politecnico federale di Zurigo (ETHZ). In quell’occasione, la polizia era intervenuta per sgomberare alcune persone che si sono rifiutate di lasciare l’edificio. In tutto ci sono state 28 denunce a carico di 13 donne e 15 uomini fra i 17 e i 78 anni d’età.

Attualità

La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR