Navigation

Zurigo, aggressioni come a Colonia

Alla polizia sono stati denunciati oltre 20 borseggi a San Silvestro; alcune donne hanno anche dichiarato d'essere state molestate sessualmente

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2016 - 21:13

A Zurigo, varie donne hanno sporto denuncia per essere state derubate nella notte di Capodanno. Lo ha comunicato giovedì la polizia della Città, precisando che alcune di esse hanno anche affermato di essere state molestate sessualmente. Una serie di aggressioni che per dinamica ricordano quanto accaduto in Germania, a Colonia.

Decine di migliaia di persone, a San Silvestro, hanno festeggiato l'arrivo del nuovo anno per le strade di Zurigo e assistito ai fuochi d'artificio sul lago. Proprio sul lungolago sarebbe avvenuto quanto raccontato anche a Colonia e in altre città tedesche.

Alla polizia sono stati denunciati più di venti borseggi. Alcune delle donne derubate hanno inoltre dichiarato di essere state molestate sessualmente da uomini in gruppo dalla pelle scura.

"Due donne avevano subito affermato di essere state derubate e anche molestate sessualmente", spiega la portavoce Judith Hödl, "e visto quanto successo a Colonia abbiamo allora riesaminato a fondo tutti i casi di borseggio. Attualmente sono sei le donne che affermano di essere state palpeggiate sopra i vestiti."

Parte delle denunce e varie testimonianze sono giunte nelle ultime 24 ore: "Riceviamo ancora delle segnalazioni e probabilmente ci sono altre vittime, che invitiamo a rivolgersi alla polizia." Nei prossimi giorni potrebbero quindi emergere altri casi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.