Navigation

Winterthur, sfrattata la moschea sospetta

Citata più volte dai media come luogo di radicalizzazione -giovani fedeli si sarebbero uniti all'Is in Siria- dovrà chiudere per fine anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2016 - 14:49

La moschea An 'Nur di Winterthur deve chiudere entro la fine dell'anno. La società immobiliare proprietaria della struttura ha infatti deciso di non rinnovare il contratto di locazione. La notizia è stata anticipata dal Tages Anzeiger.

Secondo Atef Sahnoun, già presidente dell'associazione An'Nur, la decisione è una conseguenza delle notizie "sensazionalistiche" riportate dai media a proposito della moschea, più volte citata come luogo di radicalizzazione di giovani.

Alcuni di questi avrebbero anche raggiunto la Siria per militare nelle file dell'autoproclamato Stato Islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.