Navigation

Winterthur, blitz alla moschea

4 fermi da parte della polizia, perquisite anche alcune abitazioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2016 - 13:07

Un imam etiope sospettato di pubblica istigazione al crimine è stato fermato mercoledì mattina nel corso della perquisizione della moschea An'Nur di Winterthur, operazione scattata su segnalazione della procura. In un sermone dello scorso 21 ottobre, l'imam avrebbe invitato i fedeli ad uccidere i musulmani che si rifiutano di partecipare alla preghiera comune nella moschea.

Oltre al luogo di culto sono state perquisite anche le abitazioni di altre tre persone, pure loro fermate, secondo quanto comunicato dalle autorità.

Nei confronti delle quattro persone, che devono ancora essere interrogate, sono stati aperti dei procedimenti penali.

RSI/NEWSLink esterno/TG/ATS/sf

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.