Navigation

Ingorghi in Ticino? Decidano i cittadini

Qual è la soluzione migliore alle code che soffocano il Canton Ticino? Domanda aperta alla quale i ticinesi saranno chiamati ad esprimersi il prossimo 19 maggio, in particolare devono decidere se eliminare le rotonde e introdurre semafori sull'asse Bellinzona-Locarno, tra Cadenazzo-Quartino. Ma si parla anche di traffico e mobilità pubblica nel luganese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2019 - 17:32
Roberto Von Flüe e Philippe Blanc, Falò RSI
La quotidiana coda sul lungo lago di Lugano. Keystone / Karl Mathis

Il traffico in Ticino è sempre più caotico. Gli esperti studiano le soluzioni migliori per eliminare le colonne. I cittadini si dividono, la politica a volte non sa come decidersi. Allora, come del caso della scelta sulla semaforizzazione del un tratto di strada sul Piano di Magadino, saranno i cittadini ticinesi a decidere il prossimo 19 maggio.

In altri casi, come a Lugano, i politici pressati soprattutto dai commercianti, si lanciano in esperimenti e introducono correttivi al piano viario nel centro di Lugano. Risultato: commercianti tiepidamente contenti, cittadini scettici e soprattutto tecnici contrari consci del fatto che l'esperimento peggiorerà sensibilmente la viabilità nel centro di Lugano e anche i mezzi pubblici saranno confrontati a disagi che oggi non conoscono.

Ma la domanda resta: come uscire dagli ingorghi? 

Un secondo servizio è dedicato agli anziani al volante. La popolazione invecchia, aumenta la categoria degli automobilisti dai capelli grigi. Per molti è un problema di sicurezza. Per molti di loro invece è una possibilità di indipendenza. Essere costretti a rinunciare alla patente per molti automobilisti senior è un trauma. Cosa fare? Fino a quale età è possibile guidare con sicurezza?

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.