Navigation

Venti, piogge e rischio valanghe in Svizzera

A Sud delle Alpi, però, si prospetta un Natale primaverile. RSI-SWI

Una tempesta invernale ha investito nella notte tra domenica e lunedì la Svizzera, con forti raffiche di vento e precipitazioni, in parte abbondanti. Non si segnalano danni, ma è salito il pericolo di valanghe, che in vaste regioni delle Alpi è ora "forte" (di grado 4 su una scala di 5).

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2018 - 21:25
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG e Quotidiano del 24.12.2018)

Sul massiccio del Titlis, nella Svizzera centrale, le folate hanno raggiunto i 143 km/h. Sono state registrate punte di 131 km/h sullo Jungraujoch (Berna) e di 130 km/h sul massiccio del Säntis, nella Svizzera orientale.

Anche in pianura il vento è stato forte, come per i 90 km/h misurati a Lucerna, riferiti da SRF MeteoLink esterno. Il fronte freddo che ha attraversato il Paese ha causato anche molta pioggia.

Valanghe spontanee

La neve fresca e i venti tempestosi, indica l'Istituto per lo studio della neve e delle valangheLink esterno (SLF) di Davos, hanno portato il pericolo al grado 4 (su una scala di 5): sono cioè probabili valanghe spontanee, anche di grandi dimensioni, e gli appassionati di sport invernali dovranno prestare molta attenzione.

I pericoli maggiori, nota l'Istituto, si trovano sui pendii al di sotto dei 2200 metri. La tendenza per i prossimi giorni indica che il pericolo diminuirà.

Contenuto esterno

In mattinata, una valanga ha temporaneamente interrotto il collegamento ferroviario tra i cantoni Uri e Grigioni. Il problema è stato rapidamente, ma da metà pomeriggio la linea Andermatt-Disentis è stata chiusa a causa del pericolo.

A sud delle Alpi

Nel canton Ticino e nel Moesano, dove il pericolo indicato dall'Istituto va da moderato (grado 2) a marcato (grado 3), ci si prepara intanto a un Natale primaverile: le temperature supereranno i 10, 12 gradi. Una situazione meteorologica che si protrarrà fino all'inizio dell'anno nuovo.

Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.