Navigation

La Svizzera non esclude il passaporto vaccinale

© Keystone / Gaetan Bally


Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2021 - 10:11

Il presidente delle Confederazione Guy Parmelin ha di nuovo evocato la possibilità che i viaggiatori debbano dotarsi di un passaporto vaccinale per muoversi liberamente. 

La questione è stata sollevata in occasione del suo primo viaggio all'estero in qualità di presidente della Confederazione: in Austria come vuole la tradizione.

A Vienna ieri, martedì, il consigliere federale ne ha parlato anche con il suo omologo austriaco Van der Bellen ed il cancelliere Sebastian Kurz. Le due parti hanno discusso di strategie di vaccinazione e dell'importanza, nel quadro della crisi attuale, di una solidarietà europea.

Svizzera e Austria intendono lanciare un partenariato strategico che rinforzi la collaborazione in alcuni settori. Il progetto era stato approvato dal Consiglio federale il 24 febbraio scorso e verrà firmato prossimamente dai rispettivi ministri degli esteri.

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.