Navigation

Alta montagna, Berset lancia l'allarme clima

Il volume totale dei ghiacciai è diminuito del 2% in un anno. RSI-SWI

Bisogna agire con urgenza per fronteggiare i cambiamenti climatici nelle regioni di alta montagna. È quanto ha dichiarato martedì a Ginevra il consigliere federale Alain Berset, a margine del primo vertice su tali regioni organizzato dall'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), che mira a elaborare misure per ridurre al minimo i rischi di catastrofi naturali e proteggere le popolazioni e le infrastrutture locali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 14:00
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 29.10.2019)

La Svizzera deve essere "in prima linea", ha detto nel suo discorsoLink esterno il capo del Dipartimento federale dell'Interno DFI, lanciando un appello a mobilitarsi a tutti i settori: dall'agricoltura, ai trasporti, all'energia. Nel nostro Paese, le montagne costituiscono due terzi del territorio.

"Siamo toccati maggiormente di altri", ha proseguito con alcuni giornalisti, poiché nell'arco di 150 anni la temperatura è aumentata mediamente di 2 gradi centigradi, in Svizzera, contro gli 0,9 gradi di incremento nel mondo.

Il volume totale dei ghiacciai è diminuito del 2% in un anno, ha sottolineato il ministro, aggiungendo che quelli scomparsi dall'inizio del XX secolo sono 500; i 4000 restanti rischiano di ridursi del 90% entro il 2100.

Contenuto esterno

"Non dobbiamo tardare ad agire", ha riassunto Alain Berset. "La giovane generazione e le elettrici ed elettori ci mostrano la strada da intraprendere".

Il Vertice

L'obiettivo del primo Vertice sulle regioni di alta montagna organizzato dall'OMM è stabilire interventi prioritari per far fronte ai bruschi, e durevoli, cambiamenti di cui sono oggetto ghiacciai, neve e permafrost, si legge in una notaLink esterno diffusa martedì dal DFI.

I partecipanti sono chiamati a definire in un piano d'azione misure concrete per migliorare la qualità dei dati idrologici, meteorologici e climatologici.

Contenuto esterno

L'obiettivo è ridurre al minimo i rischi di catastrofi naturali e proteggere le popolazioni e le infrastrutture locali: per questo sono necessari dati scientificamente attendibili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.