Navigation

ASNI: "Basta con la libera circolazione"

L'Associazione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI) si è pronunciata sabato a favore del lancio di un'iniziativa popolare volta a cancellare il principio della libera circolazione delle persone.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2017 - 14:29
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 06.05.2017)
Contenuto esterno



Riuniti a Berna i membri dell'ASNI si sono espressi in tal senso con 504 voti e nessun parere contrario. Spetterà ora alla direzione, in collaborazione con l'Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice), mettere a punto il testo definitivo dell'iniziativa dopo che un gruppo di lavoro misto aveva presentato nei giorni scorsi tre varianti, sulle quali l'assemblea odierna non si è tuttavia espressa.

La prima variante consiste nella disdetta pura e semplice dell'accordo di libera circolazione con l'Unione europea; la seconda è ancora più incisiva e mira a iscrivere nella Costituzione, oltre alla disdetta, anche "il divieto del principio nocivo della libera circolazione"; la terza afferma che "non può esistere libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE o i suoi Stati membri" e precisa che tale disposizione "è prioritaria rispetto a tutti i trattati di diritto internazionale esistenti e futuri che siano in opposizione con essa".

Le tre varianti dovranno essere discusse in modo approfondito nelle prossime settimane. Sul tema sarà poi chiamata a pronunciarsi anche l'UDC. Una decisione definitiva in merito potrebbe giungere il 24 giugno.

UDC e ASNI potrebbero così lanciare un'iniziativa popolare congiunta già nella seconda metà di quest'anno.
La nuova proposta, dopo l'accettazione nel febbraio del 2014 dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, è la prima che punta esplicitamente ed inequivocabilmente alla disdetta dell'accordo sulla libera circolazione.

 Il voto potrebbe svolgersi nel 2019, anno elettorale in cui verranno rinnovati i due rami del parlamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.