Navigation

Il ministro degli Esteri Cassis ricevuto da Papa Francesco

Keystone

​​​​​​​

Trasferta romana per il ministro degli Esteri svizzero Ignazio Cassis: il consigliere federale, che assisterà lunedì alla cerimonia di giuramento di 23 nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia in Vaticano (tra cui tre ticinesi), è stato ricevuto in udienza privata da Papa Francesco.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2019 - 18:13
tvsvizzera/ats/spal con RSI (Tg del 4.5.2019)

Nel suo discorso il pontefice ha voluto ribadire ancora una volta l’affetto e la riconoscenza che lo lega alle Guardie svizzere, una presenza "preziosa", ha detto, "per diligenza e dedizione generosa".

Nella sua visita in Vaticano Cassis ha anche incontrato l'arcivescovo Paul Gallagher, Segretario per i rapporti con gli Stati, con il quale ha discusso di relazioni bilaterali tra Svizzera e Santa Sede.

Contenuto esterno


Nella politica estera dei due Stati, indica un comunicato del Dipartimento degli affari esteri (DFAE), ci sono molti punti in comune, in particolare nell'ambito umanitario, nella promozione della pace e negli sforzi per l'abolizione della pena di morte.

Il capo della diplomazia elvetica ha anche incontrato il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani nonché vescovo emerito di Basilea. Con lui ha sottolineato "l'importanza dell'ecumene e del dialogo interreligioso in politica estera, in particolare per la prevenzione e la risoluzione dei conflitti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.