Navigation

Banconote, addio a Giacometti

© Keystone / Gaetan Bally

A fine aprile saranno fuori corso i vecchi biglietti dell'ottava serie, quella che omaggia Le Corbusier e Giacometti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2021 - 16:41
tvsvizzera/spal con RSI (Rsinews)

La Banca nazionale svizzera ritira dalla circolazione le vecchie banconote dell'ottava serie. A partire dal 30 aprile non avranno più corso legale: fanno eccezione i versamenti effettuati presso entità pubbliche della Confederazione quali le FFS e la Posta, che accetteranno i biglietti di banca sino al 30 ottobre 2021, fa sapere l'istituto in un comunicato.

Presso gli sportelli di cassa della BNS e nelle agenzie della banca le banconote potranno però essere cambiate senza limiti di tempo. 

L'ottava serie - quella che presenta Alberto Giacometti sul taglio dei 100 franchi e Le Corbusier sui 10 franchi - è stata messa in circolazione fra il 1995 e il 1998.

È stata sostituita dalla nuova serie, gradualmente a partire dall'aprile 2016. L'emissione si è conclusa il 12 settembre 2019.

Per gli amanti della storia economica può essere ricordato che la prima serie è del 1907. Due sono state solo di riserva e non sono entrate in circolazione. La BNS è stata fondata nel 1905, ma il franco nel 1850. Le prime monete vennero coniate a Parigi: la Zecca federale entrò infatti in funzione solo nel 1853.

Contenuto esterno

tvsvizzera/spal con RSI (Rsinews)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.