Navigation

Perché i giovani hanno più effetti indesiderati

Diversi cantoni hanno aperto la vaccinazione anti-Covid a tutti gli over 16. Keystone / Laurent Gillieron

Mentre in tutta la Svizzera si abbassa la soglia di età per iscriversi alla vaccinazione contro il Covid-19, si osserva che la probabilità di avere effetti indesiderati (non gravi) è maggiore tra i più giovani. Perché? La Radiotelevisione svizzera RSI ne ha parlato con il primario dell'Istituto di Scienze farmacologiche dell'Ente ospedaliero cantonale ticinese (EOC).

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2021 - 09:15

Da martedì, il primo della classe è il Ticino, dove un terzo della popolazione ha già avuto la prima dose. Ma se in questo cantone la campagna vaccinale è aperta agli over 45, in molti altri ci si può mettere in lista già a 16 anni, e l'intero Paese sta facendo progressi.

Contenuto esterno

Altri grafici in: Coronavirus: i numeri in SvizzeraLink esterno

Effetti noti

Che più si scende con l'età, più frequenti siano gli effetti indesiderati, è in realtà la conferma di quanto preannunciavano gli studi. Ma sorprende i diretti interessati: "In effetti non mi aspettavo che fosse così", dice un 35enne di Losanna alla tv svizzero-francese. "In ogni caso lo rifarei domani, se dovessi. Non ho alcun problema. E sono anche molto felice che sia finalmente disponibile per tutti".

Maggiori probabilità di effetti secondari
-tra chi ha meno di 55 anni
-dopo la seconda dose (più che la prima)
-tra le donne
-tra chi ha già contratto il virus
-tra chi riceve Moderna (vs. Pfizer)
[fonte: Unisanté, citataLink esterno da RSI]

End of insertion

Si parla, in genere, di effetti collaterali come spossatezza e mal di testa, della durata di uno o due giorni. "Mi sono svegliata con questo forte dolore al braccio", riferisce una donna. "Ho avuto febbre fino a 37,8° e dolori al corpo, ma sono comunque andata a lavorare. Ho fatto un po' fatica tutto il giorno".

Risposta efficace

Il dottor Alessandro Ceschi dell'EOC conferma: tutto questo era già stato osservato negli studi clinici che avevano portato all'omologazione dei vaccini anti-Covid somministrati in Svizzera (Moderna e Pfizer/BioNTech). Le cause sono di diverso tipo ma si possono riassumere in un'importante ed efficace risposta immunitaria.

Contenuto esterno

L'intervista integrale a Ceschi.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 11.05.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.