La televisione svizzera per l’Italia

Uniti per sostenere l’Ucraina nel suo percorso verso la pace

Zelensky con la vice presidente americana Kamala Harris.
Il sostegno "incrollabile" degli Stati Uniti al popolo ucraino è stato ribadito dalla vicepresidente degli Usa, Kamala Harris. Keystone Pool / Alessandro Della Valle

Si è conclusa la prima giornata della conferenza sulla pace in Ucraina con la discussione plenaria al Bürgenstock. Nel prestigioso albergo sono sfilate le 101 delegazioni che hanno accettato l'invito di Berna a partecipare ad una sorta di missione impossibile: immaginare come far tacere i cannoni in Ucraina attraverso i negoziati. Ma senza la Russia.

“Diamo una chance alla diplomazia”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky veste i panni dell’uomo di pace. Esercizio di stile, per alcuni. Eppure, mai come al Bürgenstock, il mezzo è il messaggio: da una parte il presidente russo Vladimir Putin che detta anatemi, spacciando il deserto per pace, dall’altra il presidente ucraino, che chiede al mondo di “contribuire” alla soluzione.

“America Latina, Medio Oriente e Asia, Africa, Europa, Pacifico, Australia, Nord America: tutti presenti. Insieme stiamo facendo il primo passo verso una pace giusta, basata sulla Carta delle Nazioni Unite e sui principi fondamentali del diritto internazionale”, ha messo in chiaro Zelensky.

In teoria sarebbe difficile essere in disaccordo, ma questi valori prevedono il rispetto della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, che Putin di fatto vuole smembrare. “Tutto ciò non è negoziabile”, ha ribadito il capo di gabinetto del presidente ucraino, Andriy Yermak. Ma i lavori sono appena iniziati e l’obiettivo è quello di integrare la formula di pace ucraina con altri spunti.

Altri sviluppi

“Stiamo valutando la possibilità, una volta che si arriverà ad un piano congiunto, di presentarlo ai rappresentanti della Russia e pensiamo che questo possa accadere al secondo vertice per la pace”, ha aggiunto Yermak. Perché, ed è chiaro a tutti, prima o poi Mosca dovrà essere coinvolta.

Inizio del processo di pace

“Non saremo in grado oggi di decretare la pace per l’Ucraina, ma speriamo di dare inizio al processo. La carta dell’Onu forma la base del diritto, la Russia l’ha attaccata nel modo più brutale. Se vogliamo inspirare lo spirito di pace, Mosca deve essere a un certo punto coinvolta, tutti ne siamo consapevoli. Come comunità internazionale possiamo preparare il terreno per i negoziati fra le due parti in guerra”.

La prossima tappa potrebbe essere allora l’Arabia Saudita, dove s’ipotizza si possa tenere il nuovo summit. Ma questo appunto richiederebbe l’accettazione da parte della Russia dei principi fondamentali della Carta dell’Onu – compresa l’integrità territoriale dell’Ucraina – e quindi tutto “è ancora in alto mare”, fa sapere un alto funzionario europeo a conoscenza diretta del dossier.

“Non saremo in grado oggi di decretare la pace per l’Ucraina, ma speriamo di dare inizio al processo”, ha detto Amherd. “Come comunità internazionale possiamo preparare il terreno per i negoziati fra le due parti in guerra”.

Contenuto esterno

Percorso a tappe

Berna ha elaborato un percorso a tappe. Il programma del Vertice prevede sia sessioni “plenarie” che discussioni sui tre temi che si prestano “a creare fiducia”, ossia “la sicurezza nucleare, la sicurezza alimentare e la dimensione umanitaria”, compresa la “liberazione dei prigionieri”. “Si tratta di argomenti d’interesse globale che riguardano direttamente un gran numero di Stati e che sono stati affrontati nei vari piani di pace proposti”, sottolineano gli organizzatori.

Di nuovo, l’obiettivo è di creare consenso, avvicinare le posizioni. Che sono a volte molto diverse rispetto al coro del “caminetto” occidentale. Il ministro degli esteri dell’Arabia Saudita ammonisce ad esempio che saranno necessari “difficili compromessi” se si vuole davvero arrivare alla pace mentre il presidente del Kenya afferma che l’aggressione di Mosca è certamente “illegale” ma è illegale anche “l’unilaterale appropriazione degli asset sovrani russi” (ed egualmente tremendi sono i conflitti nel Medio Oriente, nel Sahel e nel Corno d’Africa).

Foto di gruppo.
Foto di gruppo. Keystone Pool / Michael Buholzer

Vari scenari finali possibili

I negoziati sulla dichiarazione finale continueranno “fino all’ultimo minuto”, hanno detto stamani fonti vicine alle discussioni, aggiungendo che il testo è in fase di “consolidamento”.

Sono possibili diversi scenari, tra cui una dichiarazione finale senza consenso, che darebbe a ogni Stato la possibilità di specificare se la approva o no.

Oggi pomeriggio il capo del Dipartimento federale degli affari esteri Ignazio Cassis ha manifestato ottimismo affermando di sperare in un “passo nella giusta direzione”.

Secondo una fonte ucraina ben informata, la Svizzera ha accettato alcune richieste avanzate da Zelensky e dai suoi alleati. I termini “aggressione russa” e “integrità territoriale” dell’Ucraina sarebbero stati inclusi nell’ultima versione della bozza di dichiarazione finale, il che l’avrebbe resa accettabile per il presidente ucraino.

Esigenze di Putin

Nessuno ignora le difficoltà della redazione del testo, confrontato con la realtà militare sul campo. Ieri Putin, il cui paese non è stato invitato al Bürgenstock, ha ribadito le sue condizioni di pace. Chiede che Kiev rinunci all’adesione alla NATO e alle quattro regioni annesse da Mosca nella parte orientale del paese.

Richieste inaccettabili per l’Ucraina, che non saranno discusse in terra nidvaldese. Nel tentativo di ottenere una maggiore fiducia, la Svizzera ha individuato i punti comuni ai piani di pace ucraino, cinese e africano.

Si va dalla sicurezza nucleare ai prigionieri di guerra, dalla sicurezza alimentare alla libertà di navigazione, tutti aspetti che sono solo alcune delle questioni sulle quali i due paesi in guerra potrebbero trovare un accordo.

Oggi la Russia ha ribadito che non invierà alcun messaggio ai partecipanti alla conferenza e spera che la prossima volta il conflitto venga discusso in un evento più costruttivo. Lo ha dichiarato all’agenzia di stampa ufficiale russa Tass il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

“Non vogliamo comunicare nulla a loro. Vogliamo riunirci la prossima volta per un evento più sostanziale e costruttivo”, ha affermato.

Attualità

quadri

Altri sviluppi

Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle

Questo contenuto è stato pubblicato al La sindaca di Zurigo Corine Mauch critica con il senno di poi la mancanza di una visione critica sulle opere della collezione Bührle. "Avremmo dovuto reagire prima", afferma la politica del PS in un'intervista a CH Media.

Di più Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle
Shannen Doherty

Altri sviluppi

Addio Brenda!

Questo contenuto è stato pubblicato al Shannen Doherty, star di Beverly Hills 90210, è morta all'età di 53 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Lo annuncia il magazine People.

Di più Addio Brenda!

Altri sviluppi

Swatch, cifre in calo nel primo semestre

Questo contenuto è stato pubblicato al Primo semestre dell'anno molto difficile per Swatch. Dopo la buona performance del 2023, la domanda di orologi si è indebolita, soprattutto in Cina, e il crollo si è fatto sentire anche nel settore della produzione.

Di più Swatch, cifre in calo nel primo semestre
L'ex presidente è stato colpito di striscio a un orecchio.

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera
trump dopo la sparatoria

Altri sviluppi

Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Questo contenuto è stato pubblicato al Pugno alzato, rivolo di sangue sul volto, la bandiera degli Stati Uniti dietro di lui e il cielo azzurro della Pennsylvania sullo sfondo. E' già diventata iconica la fotografia condivisa su 'X' dal figlio dell'ex presidente americano, Donald Trump Jr.

Di più Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Altri sviluppi

Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministro dell'ambiente Albert Rösti è contrario al trasferimento delle persone che vivono nelle valli alpine a causa del maltempo. "Ciò equivarrebbe a privarli del loro ambiente abituale senza sapere quando e dove si verificherà la prossima catastrofe", afferma.

Di più Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli
Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR