Navigation

Fatture salate, 300'000 svizzeri rinunciano al dentista

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2018 - 14:00
Katia Ranzanici, Falò (RSI)

La fattura del dentista spesso è salata. Per questa ragione, secondo alcune stime, in Svizzera negli ultimi anni 300'000 pazienti avrebbero rinunciato alle cure odontoiatriche.

Per evitare fatture troppo salate sono sempre più le persone che si recano all’estero: le trasferte verso cliniche dentarie dei paesi dell’Est sono in aumento (già oggi sono uno su cinque svizzeri). Ci siamo andati anche noi per vedere qual è la qualità delle cure e i risultati per certi versi sono sorprendenti.

Ma come mai in Svizzera si spendono cifre che sono tre o quattro volte superiori a quelle che si pagano in Ungheria o in Croazia? Come si arriva ai 4'000 franchi necessari per un impianto? Qual è la parte di guadagno del dentista e quale dell’odontotecnico?

E per concludere questa puntata dedicata alle cure dentarie avremo un filmato che riguarda gli anziani. Nei Grigioni le case di riposo sono obbligate ad avere un dentista che visita regolarmente gli ospiti. L’igiene orale nella terza età infatti è spesso problematica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.